Visualizza versione completa : ROTOBALLE: fasciatura, materiali e tecniche


jd fan
15-02-2008, 19.11.44
Amici forumisti, in quanto a macchine per la zootecnia, la mia ignoranza è a dir poco abissale. Una Azienda zootecnica presso cui lavoriamo, mi ha chiesto la nostra disponibilibilità anche per la fasciatura del foraggio in rotoballe. Sto cercando di raccogliere quanti più elementi possibili per capire se affrontare positivamente anche questo investimento e dare la disponibilità della nostra azienda a dare anche questo servizio e, se nel caso si optasse in modo favorevole, capire su quale macchina orientarsi.

Grazie in anticipo a quanti volessero rispondere al mio appello.

mefito
15-02-2008, 21.15.20
Amici forumisti, in quanto a macchine per la zootecnia, la mia ignoranza è a dir poco abissale. Una Azienda zootecnica presso cui lavoriamo, mi ha chiesto la nostra disponibilibilità anche per la fasciatura del foraggio in rotoballe. Sto cercando di raccogliere quanti più elementi possibili per capire se affrontare positivamente anche questo investimento e dare la disponibilità della nostra azienda a dare anche questo servizio e, se nel caso si optasse in modo favorevole, capire su quale macchina orientarsi.

Grazie in anticipo a quanti volessero rispondere al mio appello.
Per la convenienza economica credo sia il tuo lavoro,posso dirti che nella mia zona i terzisti hanno sempre rifiutato questa attrezzatura che porta a picchi di lavoro in caso di maltempo ed a relative difficoltà di gestione.
Questo è naturalmente solo un aspetto e legato alla zona dove tradizionalmente i foraggi vengono essiccati per autoconsumo.

john6630
15-02-2008, 22.21.20
in zona mia ci sono un paio di terzisti che hanno il fasciatore
uno ha un wolagri come questo http://www.wolagri.com/p6_ita.asp?pagestate=p6
l'altro ha un gallignani con il carico a lato e ha avuto molti problemi perchè si ribaltava tutto...
il primo terzista citato invece è molto contento del suo inoltre non ha speso un esagerazione (10000 euro circa)
un vicino di casa chiama un terzista che ha adirittura il caricatore frontale con la pinza e glieli posiziona dove vuole!

JDRuspa
15-02-2008, 22.59.20
Se ti interessa, senza dover acquistare una fasciatrice, potresti valutare l'aquisto di una rotoimballatrice con fasciatore incorporato dalla Class. Io queste attrezature non le ho mai viste lavorare nella mia zona e le balle fasciate sono una rarità da vedere.

http://www.claas.com/countries/generator/cl-pw/it/products/pr/rollant355_uni/start,lang=it_IT.html

pepi936
16-02-2008, 00.06.04
ciao a tutti. io ho un fasciatore della wolvo portato,comodo se hai delle balle nn ben conformate che durante la fasciatura tendono a cadere di lato ,usando il solevatore e il terzo punto idraulico ti permette di recuperare la balla e completare il lavoro. per contro rispetto ad un carrellatorichiede un trattore medio grosso (100 cv) o anche piu' magari anche zavorrato anteriormente per sostenere il peso .io lo attacco al jd 6410 e quando fascio la medica con balloni vicino a 10 ql tende a inpennare!!.
ritengo sia un attrezzo utile in una azienda ,piu' di una volta mi ha salvato il raccolto dalla pioggia.io lo consiglio.

magical
16-02-2008, 07.10.15
Avevo un fasciatore Kvernrland che abbiamo venduto perche' troppo lento e da qualche anno faccio fasciare dal terzista che usa una Gemelli. Sono contento del lavoro e sopratutto e' in grado di fasciare anche balle deformate. Inoltre ha la possibilita' della regolazione della tesione del film. Macchina da consigliare.

angelillo
16-02-2008, 14.04.06
Io, per mia esperienza, ho usato Wolvo e Gemelli
Il gemelli, lo usavo dal terzista quando vi lavoravo, è una macchina veloce, si possono montare 1, 2 o 3 bobine (da 50 cm in quella che usavo io) ha il vantaggio di fasciare balle abbastanza deformate, per contro ha lo svantaggio di ribaltare il ballone quando è fasciato, quindi non lo puoi posizionare dove vuoi, e poi non lo puoi riprendere una volta fasciato, magari per posizionarlo meglio. Come trattore (quella portata) richiede 90-100 cv, usavamo un fendt 309 o 311, quando usavo il 305 occorrevano molte zavorre, ed, a volte, si tribolava.
Il wolvo, invece, è il mio fasciatore, lo uso con il tiger o con l'iron, quindi la macchina richiesta è simile al gemelli.
Vantaggi sono la possibilità di mettere il ballone, una volta fasciato, dove si vuole, posizionarlo uno contro l'altro in modo che le facce appoggino fra loro e non rimanga aria ed anche la possibilità di riprenderlo per spostarlo, se necessario. Svantaggi, è un po' più lento rispetto al gemelli, il mio ha una sola bobina da 50 cm, ora li fanno con il bobinone da 75, e forse anche con 2, non ricordo bene, se la balla è mal formata (se è tipo forma di grana piena in mezzo e vuota dalle parti) si tribola, tende a cadere dietro o davanti e bisogna continuamente correggere col terzo punto.
Queste macchine sopra citate sono vecchie (una quindicina d'anni), ora le costruiscono un po' diverse, ma io ho provato queste....

Se mi viene in mente qualcos'altro integrerò il messaggio, se servono chiarimenti, nel limite del possibile, sono qui:vabene:

andreaseme
16-02-2008, 14.32.18
io ho un morra carrllato al quale si puo togliere il timone per farlo portato.
monta le bobine da 50 e 75
per la velocità non posso far paragoni ma più olio gli mandi più gira veloce
la balla viene caricata e scaricata a mezzo di due braccia laterali che stringono la balla mentre nel contempo si inclina la piattaforma

Toxi 82
16-02-2008, 14.37.43
Pure io Andrea ti consiglio se dovrai far anche questo lavoro o Gemelli http://www.gcgemelli.com/content/go.htm che come ben detto da Angelillo puoi fasciar tutto anzi il meglio proprio di questa macchina è fare rotoballe non troppo rigide hai lati perchè così lavora al top. La macchina è dotata con due gruppi fasciatori per nastri da 75cm di altezza. Altra macchina che ti consiglio è Welger http://www.welger.com/cms/index.php?id=293&L=1 monta anche lui il doppio nastro da 75 e come struttura è ben diversa da Gemelli però entrambi ti consentono di fasciare migliaia di rotoballe all'anno senza alcun patema d'animo di rotture.....
Per la questione dei fasciati ottimali è quando le rotoballe non superano con l'umidità il 50% ma che stia attorno dal 35-45% da quello che posso veder a casa mia o da altri cioè non troppo liquindo nè troppo secco.... Evita di impilare le rotoballe da quello che ho visto per me si formano una gran quantità di muffe tra una rotoballa impilata e l'altra cioè dove appoggia.....

angelillo
16-02-2008, 22.08.14
Pure io Andrea ti consiglio se dovrai far anche questo lavoro o Gemelli http://www.gcgemelli.com/content/go.htm che come ben detto da Angelillo puoi fasciar tutto anzi il meglio proprio di questa macchina è fare rotoballe non troppo rigide hai lati perchè così lavora al top.

Beh, io non ho detto che se i balloni sono "fiacchi" dalle parti è meglio:no:
Intendo che si riesce ugualmente a fasciarli, o meglio, usando gemelli si tribola meno che col wolvo, ma se i balloni sono fatti a regola d'arte è meglio, per qualsiasi macchina!! Per lavorare "al top", come dici Tu Tox, servono balloni ben fatti, nenche troppo tirati, ma omogenei, nel senso che devono essere pieni ai lati come al centro, non devono essere tipo forma di grana. Un altra cosa importante è che il prodotto va fasciato il prima possibile, comunque è consigliabile non attendere più di 2-3 ore dalla pressatura.

jd fan
17-02-2008, 10.06.22
E' grazie alla serietà ed alla competenza delle vostre risposte che questo forum dà dimostrazione della sua profonda utilità, per cui vorrei innanzitutto ringraziare voi ragazzi che mi state dando una mano in questo mio nuovo problema, che, anche grazie a voi, sto valutando di tramutarlo in un'opportunità.

Perciò, approfittando senza ritegno della vostra disponibilità, eccomi di nuovo a "tampinarvi" di nuove domande:

a) l'insilamento di foraggio verde prevede in modo imprescindibile la presenza del cutter sulla rotopressa?

b) il diametro della rotoballa deve essere ridotto rispetto ai 160 cm standard, o si possono sfruttare tutti i 160cm anche per questo utilizzo?

c) quale sarebbe la configurazione ottimale della rotopressa per l'insilato verde?(camera variabile a cinghie - camera fissa a cinghia - camera variabile a spranghe ecc.) A mio parere la configurazione ottimale dovrebbe essere, data l'esigenza di eliminare quanto più possibile la presenza di aria dentro la balla, a cinghie, camera variabile con cutter...o no?

toni
17-02-2008, 11.13.01
Be!!! Visto che ti sai fare i tuoi conti, ti sei anche risposto da solo
Io avevo rotopressa volwo cut sistem a camera fissa e fasciatore volwo portato.
Quello che posso dirti e che imballare “verde” la rotopressa ne risente, anche perché è un bel peso da girare e portarsi avanti. Quindi non ti dura come con il secco.
Io consiglio di usare i coltelli nella rotopressa (io usavo uno si e uno no) e il risultato c’era, anche il peso però specialmente nel loietto
Usare una variabile non ho idea non ho mai provato,
Per il fasciatore io mi trovavo bene, quando prendi la mano fasci anche balle che non hanno forma,
considera che la fasciatura dovresti farla subito dopo aver imballato, perché gia la mattina dopo si mollano, dandoti problemi con perdita di tempo, film, gasolio, ecc.
qui ultimamente, anche per questione di spazio, c’è chi le mette sedute (come in teoria dovrebbero essere) a pile di tre (una sopra l’altra)
io ho visto che a fasciare non puoi “correre” perché il telo deve tirare, quindi piuttosto metti due bobine
Alla fine se fatto bene hai un buon prodotto

john6630
17-02-2008, 11.29.48
ti rispondo jd fan
a)no non serve che la rotopressa abbia il cutter (io ad esempio imballo con una jd 592 senza cutter)
b) no la balla può essere tranquillamente 160 cm di diametro e talvolta anche 165
c)la rotoprsessa ideale sicuramente è a camera variabile questo perchè la pressatura avviene in modo più uniforme e quindi le balle si deformano meno, oltre ad eliminare molta aria(poi dipende dalla densità e dall'umidità del foraggio) io ho provato sia una rotopressa a spranghe(una krone vario pack 1800 multi cut) e adesso uso un jd 592 e non vedo assolutamente differenza tra le due.
Ho visto un amico con una gallignani a camera fissa ma faceva una fatica tremenda e quando buttava fuori la balla era ovale:222::222::222:

Teo81
17-02-2008, 11.43.15
io ho un Wolagri a solevamento da circa 15 anni. La macchina lavora molto bene. A quel epoca era forse la miglior soluzione perchè permetteva di fasciare balle anche non perfette. Come contro ti impegna un trattore grande. Fai conto che sull'ultimo taglio ti possono capitare anche rotoballe di 13 o più quintali. Dovendo tornare indietro comprerei un carrellato. Quelli di adesso hanno il centraggio della balla. Con un trattorre piccolo lo fai andare. Io ti consiglierei di prenderne uno che può montare 2 o 3 bobine, sai il tempo che risparmi?
tra le varie tipologie se fasci e scarichi dove fasci il più veloce è quello a carico laterale perchè ti permette di eliminare il tempo di carico.
Per il punto "A" non è assolutamente vero! certo se il prodotto è tagliato resta più pressato, si macina prima e si conserva meglio. Se vogliamo puntalizzare il cutter è quasi indispensabile nelle aziende dove il fasciato viene poi utilizzato con carri miscelatori orizzontali.
Per quanto riguarda il diametro i 160 cm canonici vanno benissimo!
Riguarda la tipologia della pressa e semplice ragionarci sopra. Più la balla è ben definita e pressata e meglio si fascia e conserva. Quindi la soluzione migliore è cutter o camera variabile. Però sa detto che possono andare bene un'pò tutte le macchine ad eccezzione fella camera fissa a cinghie. Tra le macchine a cinghie la più adatta è forse la Jd perchè ha cinghie robuste e una coglea che le tiene pulite. Tra quelle a rulli la migliore è sicuramente la Claas con MPS, solo che ti fabbrica balle 120 x 120. A catene sia Wolagri che Krone vanno molto bene

Kikko 91
17-02-2008, 11.58.35
a) l'insilamento di foraggio verde prevede in modo imprescindibile la presenza del cutter sulla rotopressa?

b) il diametro della rotoballa deve essere ridotto rispetto ai 160 cm standard, o si possono sfruttare tutti i 160cm anche per questo utilizzo?

c) quale sarebbe la configurazione ottimale della rotopressa per l'insilato verde?(camera variabile a cinghie - camera fissa a cinghia - camera variabile a spranghe ecc.) A mio parere la configurazione ottimale dovrebbe essere, data l'esigenza di eliminare quanto più possibile la presenza di aria dentro la balla, a cinghie, camera variabile con cutter...o no?
Allora.....
a) Dipende dal prodotto che voui insilare:il cutter serve sicuramente se lavori su prodotti come Loietto,Sorgo e Panico; mentre per l'insilamento dell'ultimo sfalcio di medica, praticamente qui si infascia solo quello, il cutter non serve
b) Si vanno bene i balloni di 160cm....
c) sicuramente la pressa migliore è a camera variabile con cinghie e con cutter, la cui adozione dipende sempre dal prodotto su cui devi lavorare......
Altre info:

nell'azienda dove lavoro viene a infasciare un amico con il fasciatore Mascar trainato:vabene: con il Fiat 766, ed è davvero contento adesso rispetto al Gallignani:mad: che aveva prima....ed anche noi per la qualità dell'infasciatura
anche io sconsiglierei di impilare le rotoballe fasciate perchè al loro interno avviene una reazione esotermica e quindi impilarle...esperienza sulla mia pelle:222:.....significa avere un prodotto praticamente inutilizzabile...ciao
Mai paura:vabene:

Teo81
17-02-2008, 12.54.45
io vedo in giro la tendenza inversa... moltissime aziende le accatascano sul piatto...
io ho appena preso la pinza per fare tale lavoro... avrò mica fatto una....

Toxi 82
17-02-2008, 13.22.17
Impilarle o le metti le une su le altre ben precise e non sfalsate una sull'altra altrimenti aumentano le muffe all'interno e butti troppo materiale.
Le tue rotopresse vanno benissimo io in parte lo taglio facendo arrivare un contoterzi con la sua Welger rp 535 Master a 25 coltelli oppure uso anche la mia Gallignani V6 senza alcun tipo di cutter :vabene::vabene::vabene: ma nel dubbio io faccio le rotoballe a 1,5m di diametro e tirato nell'ultimo stadio a 220 atm :333::333::333: così da rendere rigida la rotoballa ma visto che io ho un vecchio fasciatore il problema è il peso che una balla riesce ad arrivare.... visto che è molto facile superare quota 10q e quindi poi devo bestemiar:222::222::222:.... perchè non riesce a sollevarli.
Per quanto riguarda la configurazione sia che usi le tue Vicon o altro basta che siano a camera variabile ed è meglio aver almeno 13coltelli così da accontentare un pò tutti....

mefito
17-02-2008, 13.35.18
io vedo in giro la tendenza inversa... moltissime aziende le accatascano sul piatto...
io ho appena preso la pinza per fare tale lavoro... avrò mica fatto una....
Le balle fasciate andrebbero sempre appoggiate sul piatto,non è possibile impilarle solo quando sono fatte ad umidità troppo alta e si deformerebbero.

magical
18-02-2008, 22.26.18
Ho acquistato il fasciatore nel 1988 e quindi ho fatto un po' di esperienza. Oggi imballo con una Krone da 155 a camera fissa con i coltelli e non vi è dubbio che piu' corto e' il taglio del foraggio meglio libera gli zuccheri necessri alla fermentazione; se la rotopressa e' camera variabile e' meglio perche' comprime di piu' ma considerando il peso meglio fermarsi a 140 o 150 cm (all'estero si fasciano solo balle da 120/135); accatasto le balle sul piatto fino a tre, sfalsate, con il Merlo dotato di pinza apposita. Se si utilizza film di qualita' che resiste ai raggi ultravioletti del sole si ottiene un foraggio di qualita'.

jd fan
11-05-2008, 18.51.54
dopo aver pressato il verde con la Vicon RV2160, si è messo in campo pure il fasciatore del Sig. Carlo Gemelli, che vorrei pubblicamente ringraziare innanzittutto per la qualità e la produttività della macchina che ci ha venduto, poi per la squisita disponibilità e competenza, che solo grazie alle quali abbiamo avuto un agevole e veloce approccio ad un lavoro per noi nuovo, senza incontrare il benchè minimo problema.... grazie davvero a nome mio e della mia azienda...

ecco la sequenza di lavoro http://www.terratech.it/fasciatore.htm

FULMINE870 LCH
11-02-2009, 10.53.32
Buongiorno a tutti
Sono in cerca di informazioni sugli avvolgitori per le roroballe, ne ho visti parecchi su al nord italia, quindi volevo sapere se sono attrezzature che con l'andamento delle stagioni e delle condizioni climatiche non vanno a danneggiare il fieno o la paglia della rotoballa.
Vorrei sapere se qualcuno c'e la come si trova e se è una macchina da acquistare per la fienagione.

Attendo fiducioso risposte.

Ciao.

ricky75
11-02-2009, 23.14.13
ciao, ma intendi avvolgitori per fasciare i balloni? non danneggiano niente, servono a conservare un prodotto imballato anche se non è secco, dunque non mi sembra il caso della paglia. onestamente non so se in basilicata siano così necessari.

FULMINE870 LCH
12-02-2009, 20.02.30
Ciao hai ragione ma siccome un'azienda agricola delle mie parti fa una produzione di 150 rotoli all'anno di fieno perchè la loro azienda è molto piccola però quando li sistemano d'estate tutto bene, quando li prendono in inverno (non li mettono a bicchiere ma rotondi 4 sotto e 3 sopra) tra un rotolo e l'altro il fieno si ammuffisce e hanno molta perdenza di fieno all'anno. Da noi l'avvolgitore non lo usa nessuno vorrei sapere se è un prodotto che può eliminare questo problema o ridurlo maggiormente.
Chiedo aiuto a voi
Ciao

challenger
12-02-2009, 20.48.26
ho avuto esperienza proprio l'altro giorno di un caso simile al tuo.Un amico del mio paese ha fasciato della medica che poteva quasi secca, causa l'improvvisarsi di un temporale che minacciava di rovinarla irrimediabilmente.Aperta si è dimostrata un parziale insuccesso, in quanto non avendo piu umidita non ha fatto il processo di insilamento, ma di conseguenza gli sbalzi termici hanno fatto fenomeni di condensa sulla superficie a contatto del suolo e del telo di avvolgimento, inzuppandola e sviluppando muffe di conseguenza sui primi 10 cm della superficie.Per il tuo caso essendo il prodotto risultante secco dopo affienamento, la soluzione piu ecconomica è il tunnel, che garantisce ventilazione e non condensa.

ricky75
12-02-2009, 23.09.45
Ciao hai ragione ma siccome un'azienda agricola delle mie parti fa una produzione di 150 rotoli all'anno di fieno perchè la loro azienda è molto piccola però quando li sistemano d'estate tutto bene, quando li prendono in inverno (non li mettono a bicchiere ma rotondi 4 sotto e 3 sopra) tra un rotolo e l'altro il fieno si ammuffisce e hanno molta perdenza di fieno all'anno. Da noi l'avvolgitore non lo usa nessuno vorrei sapere se è un prodotto che può eliminare questo problema o ridurlo maggiormente.
Chiedo aiuto a voi
Ciao
ciao secondo me il problema è dovuto al fatto che il ballone anche se è secco fa un pò di fermentazione. allora se tu metti i balloni a bicchiere come dici tu si crea un effetto a camino e magari fa un pò di cappello solo l'ultimo ballone (ma solo in alcuni casi, quando si imballa al limite). se invece metti i balloni sul tondo si trova l'ostacolo della balla sopra,dunque fa condensa e poi marcisce dove si toccano le due balle. probabilmente il fasciatore non ti servirebbe a niente! ciao

FULMINE870 LCH
13-02-2009, 11.00.23
Scusate un ulteriore domande, grazie inanzitutto per le dettagliate spiegazioni in merito ma se le rotoballe vengono fasciate come si risolverebbe il problema della marcitura come bisogna posizionarle?
Sto a precisare che non vanno adagiate direttamente sul terreno
Ciao e grazie anticipatamente per l'aiuto mostratomi

miguel
13-02-2009, 20.44.57
--------------------------------------------------------------------------------

Salve io avevo intenzione di cambiare la mia fasciatrice, una wolvo portata vecchiotta, con una trainata, per impegnare un trattore più piccolo, il concessionario da cui normalmente mi rifornisco mi ha consigliato una Oy Elho 1520, mi ha detto che è una delle migliori ma è un pò costosetta. Qualcuno conosce o ha avuto esperienze con questa macchina? Si vale tutti i soldi che costa? Fatemi sapere grazie.

challenger
13-02-2009, 21.03.57
Scusate un ulteriore domande, grazie inanzitutto per le dettagliate spiegazioni in merito ma se le rotoballe vengono fasciate come si risolverebbe il problema della marcitura come bisogna posizionarle?
Sto a precisare che non vanno adagiate direttamente sul terreno
Ciao e grazie anticipatamente per l'aiuto mostratomi

la marcitura la eviti al max se il prodotto ha la giusta umidita per l'insilamento, diversamente essendo esposta a sbalzi termici fa condensa come un bottiglia chiusa esposta al sole, il max si ottiene apoggiandole al suolo o su bancali di legno o con meno impegnativo materasso di paglia o stocchi, il tutto per diminuire sbalzi termici e ostacolare risalita di umidita dal terreno

930 VALE
29-03-2009, 23.50.54
Quanti rotoli si possono fasciare in un ora?

miguel
30-03-2009, 14.28.29
Ciao 930 VALE
Io ho una wolvo vecchio modello 12w , è ancora in produzione però è un pò lentina e riesco a fasciare 15 - 18 presse l' ora se la faccio girare forte, ma mi hanno assicurato che con le nuove trainate automatiche si segue in scioltezza anche la rotopressa più veloce fasciando anche 35- 40 rotopresse l' ora. Ma costano un botto.

giandomenico100
19-08-2011, 11.25.04
Salve, sono giandomenico e ho una azienda agricola e relativa stalla di vacche da latte con 200 frisone nel centro Sicilia.
Qui è molto dura sopratuto perchè manca l'acqua e quindi facciamo un solo sfalcio di fieno l'anno e tra l'altro, non è pensabile fare insilati di mais, vista appunto la quantità di acqua necessaria.
Pertanto da l'anno scorso ho pensato di cominciare a rifare il fasciato di erba (miscuglio di triticale, veccia, trifoglio, avena), che già faceva mio padre ma che poi ha abbandonato per problemi di muffe. Anche questa volta il prodotto è venuto male: aprendo i balloni ne trovo parecchi con chiazze di muffa bianca qua e la'; penso di aver individuato il problema, ma vorrei approfittare della vostra esperienza e cortesia nel rispondermi visto che in questa terra è anche difficile trovare con chi confrontarsi:
A) a che percentuale di sostanza secca è preferibile imballare?
Io quest'anno ho imballato con una % di sostanza secca tra il 40 e il 50%, ma penso sia ancora bassa e bisogna farlo asciugare di più.
B) Se imballate con una camera variabile a che pressione imballate per eliminare tutta l'aria e non avere problemi di muffe? Vorrei acquistare una welger a camera variabile, ne ho già due a camera fissa ma per il fasciato non vanno.
C) quanti giri di flm fate per imballare? che fasciatore mi consigliate? devo fare circa 1000 balle all'anno.

Grazie giandomenico.

mefito
19-08-2011, 14.02.56
Salve, sono giandomenico e ho una azienda agricola e relativa stalla di vacche da latte con 200 frisone nel centro Sicilia.
Qui è molto dura sopratuto perchè manca l'acqua e quindi facciamo un solo sfalcio di fieno l'anno e tra l'altro, non è pensabile fare insilati di mais, vista appunto la quantità di acqua necessaria.
Pertanto da l'anno scorso ho pensato di cominciare a rifare il fasciato di erba (miscuglio di triticale, veccia, trifoglio, avena), che già faceva mio padre ma che poi ha abbandonato per problemi di muffe. Anche questa volta il prodotto è venuto male: aprendo i balloni ne trovo parecchi con chiazze di muffa bianca qua e la'; penso di aver individuato il problema, ma vorrei approfittare della vostra esperienza e cortesia nel rispondermi visto che in questa terra è anche difficile trovare con chi confrontarsi:
A) a che percentuale di sostanza secca è preferibile imballare?
Io quest'anno ho imballato con una % di sostanza secca tra il 40 e il 50%, ma penso sia ancora bassa e bisogna farlo asciugare di più.
B) Se imballate con una camera variabile a che pressione imballate per eliminare tutta l'aria e non avere problemi di muffe? Vorrei acquistare una welger a camera variabile, ne ho già due a camera fissa ma per il fasciato non vanno.
C) quanti giri di flm fate per imballare? che fasciatore mi consigliate? devo fare circa 1000 balle all'anno.

Grazie giandomenico.
Non credo sia un problema di umidità,forse copri troppo poco con il film ed entra aria.
Nell'insilato la condizione essenziale è la non presenza di ossigeno,quindi più è tagliato e pressato e meglio è(anche nel successivo utilizzo).
Immagino non ci sia possibilità di trinciatura e stoccaggio in trincea, che per quei quantitativi è una buona possibilità.
Visto oi quantitativi valuterei anche il posizionamento sulla rotopressa di una pompa per additivi (fermenti lattici)che influiscono sulle fermentazioni migliorandole.

giandomenico100
21-08-2011, 11.33.54
Grazie intanto per avermi risposto;

Relativamente al film, la balla è stata completamente ricoperta per tre volte (trenta giri in totale; balla diametro 120 e altezza 120).

Relativamente alla trincea, ho sicuramente lo spazio, ma il problema è che non ci sono contoterzisti nella mia zona e pertanto per farlo dovrei acquistare tutte le macchine e attrezzatura occorrente e iniziare da zero.

Visto pero' che per fare il fasciato devo comunque fare degli investimenti, (cambiare la vecchia welger 202 con una camera variabile e il vecchio fasciatore con uno nuovo), potrei anche valutare; devo ben capire la spesa da affrontare e le variabili che intervengono nella trincea; non vorrei nuovamente avere problemi l'anno prossimo.

Che mi dici

Giandomenico.

ara
21-08-2011, 15.15.10
Grazie intanto per avermi risposto;

Relativamente al film, la balla è stata completamente ricoperta per tre volte (trenta giri in totale; balla diametro 120 e altezza 120).

Relativamente alla trincea, ho sicuramente lo spazio, ma il problema è che non ci sono contoterzisti nella mia zona e pertanto per farlo dovrei acquistare tutte le macchine e attrezzatura occorrente e iniziare da zero.

Visto pero' che per fare il fasciato devo comunque fare degli investimenti, (cambiare la vecchia welger 202 con una camera variabile e il vecchio fasciatore con uno nuovo), potrei anche valutare; devo ben capire la spesa da affrontare e le variabili che intervengono nella trincea; non vorrei nuovamente avere problemi l'anno prossimo.

Che mi dici

Giandomenico.
qui da me nella bassa bresciana la fasciatura è tecnica piuttosto comune,fasciamo loietto, erba medica con ottimi risultati. la procedura da me utilizzata è la seguente : pressare il prodotto al 50-60 % di sostanza secca con una rotopressa che sia in grado di tagliare (che aiuta la fase successiva) e sopratutto pressare al massimo il prodotto in modo da eliminare l'ossigeno all'interno del ballone (principale causa di muffe) in fine fasciatura partendo da un minimo di quattro strati in su. prodotti con stelo grande come avena e triticale è difficile eliminare l'ossigeno quindi seguirei il consiglio di mefito utilizzare additivi

buon lavoro

challenger
21-08-2011, 15.32.42
Salve, sono giandomenico e ho una azienda agricola e relativa stalla di vacche da latte con 200 frisone nel centro Sicilia.
Qui è molto dura sopratuto perchè manca l'acqua e quindi facciamo un solo sfalcio di fieno l'anno e tra l'altro, non è pensabile fare insilati di mais, vista appunto la quantità di acqua necessaria.
Pertanto da l'anno scorso ho pensato di cominciare a rifare il fasciato di erba (miscuglio di triticale, veccia, trifoglio, avena), che già faceva mio padre ma che poi ha abbandonato per problemi di muffe. Anche questa volta il prodotto è venuto male: aprendo i balloni ne trovo parecchi con chiazze di muffa bianca qua e la'; penso di aver individuato il problema, ma vorrei approfittare della vostra esperienza e cortesia nel rispondermi visto che in questa terra è anche difficile trovare con chi confrontarsi:
A) a che percentuale di sostanza secca è preferibile imballare?
Io quest'anno ho imballato con una % di sostanza secca tra il 40 e il 50%, ma penso sia ancora bassa e bisogna farlo asciugare di più.
B) Se imballate con una camera variabile a che pressione imballate per eliminare tutta l'aria e non avere problemi di muffe? Vorrei acquistare una welger a camera variabile, ne ho già due a camera fissa ma per il fasciato non vanno.
C) quanti giri di flm fate per imballare? che fasciatore mi consigliate? devo fare circa 1000 balle all'anno.

Grazie giandomenico.
Una sola domanda a completare il discorso, in che posizione hai stoccato le rotoballe fasciate?

giandomenico100
22-08-2011, 21.18.37
x ARA;

Visto che fai fasciato da tempo, ti sarei grato se mi dai qualche dritta sulla fase di pressatura:

Se pressi con una camera variabile a che pressione metti la press? di che diametro fai le balle e quanto ti pesano?

So già di aver sbagliato a metterle in orizzontale; apprendo in ritardo che vanno stoccate sul piano senza impilarle.

Visto che fai fasciato da tempo, ti sarei grato se mi dai qualche dritta sulla fase di pressatura:

Se pressi con una camera variabile a che pressione metti la press? di che diametro fai le balle e quanto ti pesano?

Ara, scusami se approfitto ancora della tua competenza;

Mi accingo a cambiare la mia vecchia welger 220 con una welger a camera variabile; nella RP445 di serie ci sono 13 coltelli; pensi che vadano bene o è il caso di mettere la serie optional a 17 o 25 coltelli?

ara
22-08-2011, 22.12.40
x ARA;

Visto che fai fasciato da tempo, ti sarei grato se mi dai qualche dritta sulla fase di pressatura:

Se pressi con una camera variabile a che pressione metti la press? di che diametro fai le balle e quanto ti pesano?
la mia rotopressa non è una camera variabile, (ho fatto questa scelta perché col secco non è il massimo). la pressione utilizzata con una scala da 1 a 10 è otto, i balloni misurano cm. 120 x 160 e il peso dipende dal prodotto imballato e la % di sostanza secca; 580, 750 kg . Ho imballato medica col 45% s.s i balloni pesavano 800 kg.
Se hai in programma di acquistare una rotopressa e fai più fasciato che secco ti consiglio di prendere una camera variabile

saluti
fammi saper