Visualizza versione completa : Taglio alberi in area privata: Permessi & Autorizzazioni


555-M
08-04-2005, 13.05.28
Salve a tutti,
volevo un'informazione riguardante la potatura e il taglio degli alberi. Nella fattispecie si tratta di querce e acacie. Esistono date limite oltre le quali è vietato potare questo o altri tipi di alberi?
Ho sentito dire qualcosa del genere ma io non ne so nulla

Cascina_Tollu
08-04-2005, 15.18.00
Dunque, bisogna distinguere tra potature della pianta ed abbattimento della stessa.

La potatura intesa come taglio di rami non ha particolari scadenze legislative, almeno non qui da me, ma al di là di quello è fondamentale rispettare le scadenze naturali della pianta potandola quando dorme: considera che certi microrganismi patogeni sono in aria più in alcune stagioni quindi bsogna prestare attenzione.

Se invece fai riferimento all'abbattimento di alberi ci sono diversi modi di intervenire: dipende da come è governato il bosco in questione. stai molto attento ai boschi di querce, perchè talvolta sono sottoposte a normative speciali per l'abbattimento.

Ad ogni buon modo il sito della tua regione, che deve aver adottato la normativa nazionale di riferimento ed aver elaborato adeguati eventuali regolamenti attuativi dovrebbe esserti d'aiuto.

Se ci dici cosa vuoi fare possiamo comunque darti ulteriori info.

Chiedi pure:D.
Ciao!

555-M
08-04-2005, 17.36.53
Dunque vi spiego di cosa stavo parlando: un mio terreno ha lungo il confine una siepe abbastanza folta fatta di olmi querce e qualche acacia che però fanno ombra al mio confinante. Le piante in realtà sono sempre state li non ce le ho messe io... ma il confinante mi ha detto che se non le sfoltisco un po (potando i rami troppo sporgenti e abbattendo un paio di querce e acacie) lui mi fa causa perché il suo terreno non rende per via dell'ombra (e francamente ha tutte le ragioni) Per cui vorrei potare la siepe abbattendo al max 1 quercia e un'acacia... ma ho sentito dire che dopo il prox we non lo posso più fare. Sicuramente chiamerò la guardia municipale per sentire se è così... ma chiedevo a voi perché non ne ho mai sentito parlare prima di questi vincoli.

Grazie delle vostre risposte. :vabene:

cristian
10-04-2005, 14.16.04
attenzione il tuo problema è un contenzioso estremamente comune che trova facile risoluzione:
il codice civile agli artt. 823 e successivi definisce gli obblighi e i doveri di due o più persone in relazione alla condizione di confine e alberature!!!
per lae piante arbustive diciamo < di 2 metri di altezza la distanza minima dal confine di proprietà è di metri 1.5 mentre per le arboree è di 3 metri.
ma non finisce qui in condizioni di impianto si deve anche considerare il problema della chioma e dei sui prodotti quali foglie rami secchi e frutti o semi che non devono crear fastidio od onerosità al vicino.
ossia non dovrebbe cadere niente nella proprietà del vicino.
nel tuo caso tu puoi eseguire la potatura delle piante senza richieste ma in gnenere basta una semplice comunicazione al comune solo a titolo cautelativo in quanto se nella tua zona esiste in applicativo il codice urbani o il vincolo paesaggistico o la legge galasso è il comune stesso che te lo dice e non incorri in sanzioni amministrative.
occhio mi parli di olmi e come ben sai sono molto delicati dal punto di vista delle temperature in relazione alla grafiosi dell'olmo: perciò si può potare per legge e tecnica selvicolturale da autunno a primavera le date di inizio e di fine sono definite dalla legge forestale specifica della tua regione e in base all'altimetria del sito escludendo il periodo di neve gelo galaverna nebbie prima del riscoppio vegetativo.
l'abbattimento si può effettuare sempre salvo specifiche definite da dgc o legislazione vigente regionale.
si deve fare un'apposita richiesta al comune indicando in via cautelativa in riferimento ai vincoli esistenti il permesso / nulla osta / autorizzazione all'abbattimento di PIANTE DI CONFINE NON FORMANTI AREA BOSCATA!
te lo sottolineo perché è una considerazione importante che ti tutela da inadembienze imputabili a te o riconducibili ad un tuo comportamento di leggerezza in riferimento alla legge!
Scusatemi tutti se mi sono dilungato così tanto ma volevo essere chiaro per quanto possibile!
Resto a disposizione:)

555-M
11-04-2005, 09.21.28
Grazie Cristian,

le tue spiegazioni sono state davvero molto esaurienti!! :vabene:

giotorino
15-08-2008, 15.43.12
salve, il prossimo autunno dovro fare questo lavoro nella mia abitazione. ho due pini alti 15 metri circa, o abete, non so cosa sono, so solo che sono alti e pericolanti, due anni fa cadde uno di questi, all inzio erano tre e provocò diversi danni che paghi io di tasca mia, ora mi sono stancato di vederli li, non mi fanno dormire sonni tranqulli, li voglio tagliare e usarli nella mi stufa nella mia villetta. Allora tengo a precisare che il terreno sottostante ai pini e di terra e ce uno spazio di 10 metri in altezza e 15 in larghezz poi ce la casa vicino alla mia.. quindi io ho pensato se affitto una piattaforma e inizio a tagliare dall alto al basso, gettando i vari pezzi per terra e poi il mio socio sotto finisce di tagliarli con un altra motosega,dovremmo riuscire? il tronco e abbastanza spesso 40 cm di circonferenza a salire si restringe, i rami sono lunghi pieni di fogliame fastidioso con colla che si appicca alle mani.. tagliando corto datemi dei consigli per non fare qualche cavolata. Ditemi il nome di una buona motosega per fare questo lavoro? io ho trovato questo potrebbe andare?

http://www.edenstore.com/index3.php?articolo=F091868&codice=F091868&codCat=2.AGGI.MACC.MOSP.RA46

http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=AgXSCAjJYoHQ0qmGcsMu3mrwDQx.;_ylv=3?qid =20080815053551AAMazwq

ilmarronaro
15-08-2008, 15.57.36
Dalla sintassi, presumo che tu non sia Italiano, ci potresti dire da dove scrivi?
Perchè se fossi in Italia, dovrsti chiedere prima l'autorizzazione.

Poi mi sembra di capire che non sei molto pratico di motoseghe, quindi prima di effettuare un lavoro delicato come l'abbattimento di un albero di qualsivoglia natura, valuta di far eseguire il lavoro a manodopera specializzata

giotorino
15-08-2008, 18.44.55
Dalla sintassi, presumo che tu non sia Italiano, ci potresti dire da dove scrivi?
Perchè se fossi in Italia, dovrsti chiedere prima l'autorizzazione.

Poi mi sembra di capire che non sei molto pratico di motoseghe, quindi prima di effettuare un lavoro delicato come l'abbattimento di un albero di qualsivoglia natura, valuta di far eseguire il lavoro a manodopera specializzata


Autorizzazione? e che autorizzazione dovrei chiedere per fare un lavoro in casa mia, nella mia proprieta? si sono italiano nato e cresciuto in questo paese di falsi moralisti che non capiscono che uno puo scrivere male e di fretta anche perche ha la tasteria che non funxiona bene.. per quanto riguarda, il buon dio mi ha dato le mani e posso eseguire questo lavoro benissimo da solo, con attrezzatura specifica e tempo.. Grazie per i suoi consigli preziosi!

challenger
15-08-2008, 19.10.50
Autorizzazione? e che autorizzazione dovrei chiedere per fare un lavoro in casa mia, nella mia proprieta? si sono italiano nato e cresciuto in questo paese di falsi moralisti che non capiscono che uno puo scrivere male e di fretta anche perche ha la tasteria che non funxiona bene.. per quanto riguarda, il buon dio mi ha dato le mani e posso eseguire questo lavoro benissimo da solo, con attrezzatura specifica e tempo.. Grazie per i suoi consigli preziosi!

calma, calma, non vi è nessun bisogno di agitarsi, le autorizzazioni sono necessarie anche se sei a casa tua se risiedi all'interno di una zona sottoposta a tutela ambientale(parchi e qualsivoglia altra forma che si sono inventati), poi ognuno è libero pure di rischiare,prova ad informarti, perche se devi solo tagliare quei 2 alberi un tree climber, mi sa che spendi meno che prendere motosega e piattaforma(tree climber , sono quelli che si arrampicano sugli alberi e li potano o tagliano totalmente in zone inacessibili)

fede73
15-08-2008, 22.16.46
La prima cosa da fare è chiedere i permessi per il taglio presso il tuo comune.
Gli alberi saranno pure nella tua proprietà ma sono considerati un "bene comune", quindi non puoi disporne a tuo piacimento.
Il comune di Genova prevede che i permessi vadano chiesti anche per esemplari già morti e non fa differenza che si trovino in zone vincolate o no.

Che tu possa eseguire il lavoro da solo e in sicurezza ho forti dubbi da quello che scrivi.

MaxB.
16-08-2008, 12.23.06
Mi permetto di aggiungere che il nolleggio della piattaforma aerea(qui si parla almeno di un 16 metri) date le premesse, va necessariamente fatto con operatore in quelle condizioni nemmeno per tutto l'oro del mondo farei salire una persona che non è un professionista esperto. E meno che mai lascrei a terra un collaboratore senza che questi sia completamente atrezzato con dispositivi individuali di protezione e necessario addestramento( qui si parla a cuor leggero di scaraventare sezioni di albero già da 15 metri....) Mi permetto di rammentare che la sicurezza deve essere un target preciso, non un fastidioso optional.

A seguito di quanto sopra inoltre mi permetto di sottolineare che sarebbe imprudenza affidare al addetto al taglio una motosega da 4 soldi. Il nolleggio delle piattaforme aeree si paga caro(ad ore) e cioè avere un prodotto che si magari si spegne più volte( quindi su e giù con il braccio) può essere più penalizzante che acquistare in partenza una motosega di buona qualità (possibilmente una di quelle"da potatura")

FERO
16-08-2008, 14.16.30
Ciao giotorino
son o daccordo pienamente con gli altri che han giudicato un po sottovalutata ,da parte tua ,la situazione:D
in pratica se nn hai un minimo, anzi una sufficiente esperienza con le motoseghe ,ho idea che ti convenga in soldi e soprattutto sicurezza tua e delle cose sottostanti la pianta,rivolgerti a un giardiniere o meglio a un climber (lo sono anchi ma sono troppo fuori zona).
Parti dall'idea che le motoseghe son sempre pericolose,specialmente se sotto marche che si spengon e fan disperare facendo inevitabilmente abbassare la guardia,quindi dovresti affrontare una bella spesina per una motosega seria a cui aggiungere noleggio piattaforma(da me fanno18mt- 150€mez giornat +operatore)e sperar di nn romper niente facendo cadere la legna a terra o farsi male.Lavorare con motosega aterra e in quota nn è poi proprio uguale cmq il mio consiglio è di valutare bene la scelta di far fare a chi è del mestiere(se nn son particolarmente impegnetive un climber in 2-3 h max le abbatte senza probl piu veloce della piattaforma ma bisognereb veder)oppore far da se con attenzione o almeno farsi aiutar da qualcuno un po esperto se nn ti senti tanto ferrato in materia.PS fai la domanda che per la mia zona è gratis (nella zona parco 15€)magari anche per la tua;), e ti levi un rischio enorme perche cè un amega sanzione se qualcuno si accorge del taglio abusivo e avvisa CFS.
Ciao e buona fortuna:vabene:

giotorino
18-08-2008, 12.33.09
questi due pini li aveva piantati mio nonno nel '72 in casa nostra, nel nostro terreno e ora sono cresciuti troppo perche li ha piantati male, troppo vicini, pero sono robusti e ben saldi, ma quando ce stato il vento forte qui a nichelino prov di torino, le piante si muovevano a raffica e si e staccato un grosso ramo, finendo nella proprieta vicina. Nessun danno, ma sono venuti a protestare da me. Credo che bisogna presentare domanda in comune e dopo se mi danno l autorizzazione procedero al disboscamento e all abbattimento per intero dei due abeti. Come motosega avete perfettamente ragione, ho scelto una motosega stihl robusta e potente, me l ha consigliata un boscaiolo professionista.. la piattaforma in questione conviene noleggiarla da me per piu giorni, per 5 giorni il noleggio senza operatore costa la meta che se la noleggi per 1 giorno solo.. poi la parcheggio le mio cortile e procedero poco per volta al lavoro. Siamo attrezzati con imbragature che si usano per i ponteggi, andra uno solo per volta sulla piattaforma e si iniziera a sfogliare la pianta dai rami dall alto e man man taglieremo i rami lasciando solo il tronco per intero e poi lo tagliamo a pezzi di un metri l uno circa e li lanciamo nel terreno sottostante con prudenza.. Io non avrò esperienza ma la cosa non la vedo poi tanto difficile, apprestando massima attenzione e sicurezza nel taglio e nella sistemazione dei tronchi e dei rami piccoli che bruceremo..questo io ho stimato sia un lavoro da fare a sezioni in tre o quattro giorni..

belgiardino
18-08-2008, 16.06.44
questi due pini li aveva piantati mio nonno nel '72 in casa nostra, nel nostro terreno e ora sono cresciuti troppo perche li ha piantati male, troppo vicini, pero sono robusti e ben saldi, ma quando ce stato il vento forte qui a nichelino prov di torino, le piante si muovevano a raffica e si e staccato un grosso ramo, finendo nella proprieta vicina. Nessun danno, ma sono venuti a protestare da me. Credo che bisogna presentare domanda in comune e dopo se mi danno l autorizzazione procedero al disboscamento e all abbattimento per intero dei due abeti. Come motosega avete perfettamente ragione, ho scelto una motosega stihl robusta e potente, me l ha consigliata un boscaiolo professionista.. la piattaforma in questione conviene noleggiarla da me per piu giorni, per 5 giorni il noleggio senza operatore costa la meta che se la noleggi per 1 giorno solo.. poi la parcheggio le mio cortile e procedero poco per volta al lavoro. Siamo attrezzati con imbragature che si usano per i ponteggi, andra uno solo per volta sulla piattaforma e si iniziera a sfogliare la pianta dai rami dall alto e man man taglieremo i rami lasciando solo il tronco per intero e poi lo tagliamo a pezzi di un metri l uno circa e li lanciamo nel terreno sottostante con prudenza.. Io non avrò esperienza ma la cosa non la vedo poi tanto difficile, apprestando massima attenzione e sicurezza nel taglio e nella sistemazione dei tronchi e dei rami piccoli che bruceremo..questo io ho stimato sia un lavoro da fare a sezioni in tre o quattro giorni..
Ciao..., Giotorino, a me personalmente piace vedere intrapendenza e decisione.... a sentire qualcuno... per tagliare un'albero serve una laurea... il metodo che vuoi utilizzare và bene.. (fai attenzione però..).. io tre anni fà ho acquistato una proprietà di 10000 mt.. di cui per l'80% piantumata.. ho subito eliminato tutti i pini piantati a natale.. per anni che soffocavano le piante da frutto... poi ho eliminato tre pini enormi vicino alla facciata della casa.. (stessa tua situazione) .. molto pericolosi e portatori di malattie.. (volevo ricordare a qualcuno la loro pericolosità visto lo scarso e superficiale apparato radicale)... per poi finire con un tiglio di 20 mt.. piantato a 1 mt dalla casa le cui radici mi stavano destabilizzando le fondamenta... e per queste.. cose dovrei aspettare un'autorizzazione??? che magari mi nega.. qualche approssimativo funzionario... io alla natura ci tengo molto... ma anche alla preservazione della mia e altrui vita... nonchè alla mia casa...... P.S. non avevo mai usato una motosega!.. (comunque tranne il tiglio... le altre le ho tagliate intere... ma bisogna sentirsela e avere spazio per la caduta). ciao

Potionkhinson
18-08-2008, 17.24.40
Salve belgiardino,
... e per queste.. cose dovrei aspettare un'autorizzazione??? che magari mi nega.. qualche approssimativo funzionario... io alla natura ci tengo molto... ma anche alla preservazione della mia e altrui vita... nonchè alla mia casa......
Si!... devi ottenere tutte le autorizzazioni del caso... anche per salvaguardare la "tua/altrui vita"... nessuna improvvisazione!... non a caso è bene rivolgerisi a ditte/professionisti specializzati (... vale a dire "assicurati"!).
... ma bisogna sentirsela e avere spazio per la caduta). ciao
... come sopra! Non basta "sentirsela"....

fede73
18-08-2008, 17.29.03
.. molto pericolosi e portatori di malattie.. (volevo ricordare a qualcuno la loro pericolosità visto lo scarso e superficiale apparato radicale

vada per il "pericolosi" ma quali perniciosissime malattie porterebbero?
e non mi risulta abbiano apparati radicali tanto scarsi.

... e per queste.. cose dovrei aspettare un'autorizzazione??? che magari mi nega.. qualche approssimativo funzionario... ciao


Cerchiamo di evitare sparate del genere, le leggi ci sono e vanno rispettate.
In privato fai quello che ti pare ma non mi pare il caso di vantarsene.

MaxB.
18-08-2008, 18.12.06
.... Io non avrò esperienza ma la cosa non la vedo poi tanto difficile....


Ecco la prima pericolosissima premessa per l'incidente. La sottovalutazione del lavoro da fare.
Sapete perchè ogni giorno i pronto soccorso di tutta italia sono pieni di infortunati di ogni genere? sono tutte persone che hanno sottovalutato oppure hanno pensato "è così facile, eppoi mica capiterà a me"

silvano68
18-08-2008, 18.51.41
in three climbing per un lavoro del genere ci vogliono al massimo 3 - 4 ore per il solo abbattimento.

belgiardino
18-08-2008, 19.07.56
Ecco la prima pericolosissima premessa per l'incidente. La sottovalutazione del lavoro da fare.
Sapete perchè ogni giorno i pronto soccorso di tutta italia sono pieni di infortunati di ogni genere? sono tutte persone che hanno sottovalutato oppure hanno pensato "è così facile, eppoi mica capiterà a me"
io... sono alla seconda restrutturazione (cascinali).... mi arrangio a fare tutto... e posso insegnare anche qualcosina.... nel campo elettrico/idraulico/decorativo e edile.... nel campo giardinaggio e forestale... ho fatto da mè.... e non penso di essere l'unico capace ad arrangiarsi.... nel contempo nei vari cantieri girati per lavoro... ho visto parecchie maestranze (professioniste) che facevano piangere... poi permessi permettendo... mi sembra che il fai da te... sia ancora legale.... e per farsi male non serve tagliare un albero... basta salire con una comunissima scala, in una comunissima casa..

MaxB.
18-08-2008, 20.16.20
io... sono alla seconda restrutturazione (cascinali).... mi arrangio a fare tutto... e posso insegnare anche qualcosina.... nel campo elettrico/idraulico/decorativo e edile.... nel campo giardinaggio e forestale... ho fatto da mè.... e non penso di essere l'unico capace ad arrangiarsi.... nel contempo nei vari cantieri girati per lavoro... ho visto parecchie maestranze (professioniste) che facevano piangere... poi permessi permettendo... mi sembra che il fai da te... sia ancora legale.... e per farsi male non serve tagliare un albero... basta salire con una comunissima scala, in una comunissima casa..


Mi prendo la libertà di farti notare che abbattere pini oltre i dieci mentri nel bel mezzo di um centro urbano con l'uso di una piattaforma aerea non è precisamente del "fai da te".

Pochi giorni fa una persona di mia conoscenza è rimasta bloccata a 11 metri di altezza per quasi due ore poichè il motore della piattaforma si è spento. E non c'era nessun operatore per riavviarlo poichè il nolleggio era stato fatto senza. "cosa vuoi che sia, devo solo riverniciare le gronde! mica devo usare la motosega" quando i vigili del fuoco l'hanno fatto scendere con l'autoscala posso asssicurare che non era più dello stesso avviso, naturalmente non si era fatto un graffio....

Possiamo disquisire fin che vogliamo, ognuno può argomentare le proprie convinzioni come preferisce, ma nessuno mi leverà dalla testa che approssimazione e sottovalutazione dei rischi sono fattori determinanti nel succedere degli infortuni sul lavoro (leggi anche fai da te)

FERO
18-08-2008, 22.49.05
Ciao
Sono perfettamente daccordo con MaxB sul nn sottovalutare ogni cosa che a primo occhio sembra "facile" e poi porta a rischiare oltre i propri limiti fin a farsi male sul serio.
E' importante sempre vedere il nostro limite.
Ognuno poi prende le sue decisioni (nel rispetto delle leggi )

rimazza
18-08-2008, 23.10.33
se sei cosi deciso cosa vieni a chiedere consigli qui. con una settimana di noleggio di una piattaforma ti paghi un professionista che in una mattina tè le mette a terra e poi puoi puoi sistemartele tu. http://img374.imageshack.us/img374/9734/sequoiameranoft2.th.jpg (http://img374.imageshack.us/my.php?image=sequoiameranoft2.jpg)

belgiardino
19-08-2008, 11.53.59
se sei cosi deciso cosa vieni a chiedere consigli qui. con una settimana di noleggio di una piattaforma ti paghi un professionista che in una mattina tè le mette a terra e poi puoi puoi sistemartele tu. http://img374.imageshack.us/img374/9734/sequoiameranoft2.th.jpg (http://img374.imageshack.us/my.php?image=sequoiameranoft2.jpg)
...Si... può essere.... ma forse cercava solo conferme sul modo giusto da operare... (facendolo da solo)... non solo risposte... in cui si rimanda il problema ai soli "professionisti"!!!!!!!! altrimenti a cosa serve il forum... solo a sentirsi dire di chiamare questo o quello?... penso che ci sarebbe arrivato da solo......

salve, il prossimo autunno dovro fare questo lavoro nella mia abitazione. ho due pini alti 15 metri circa, o abete, non so cosa sono, so solo che sono alti e pericolanti, due anni fa cadde uno di questi, all inzio erano tre e provocò diversi danni che paghi io di tasca mia, ora mi sono stancato di vederli li, non mi fanno dormire sonni tranqulli, li voglio tagliare e usarli nella mi stufa nella mia villetta. Allora tengo a precisare che il terreno sottostante ai pini e di terra e ce uno spazio di 10 metri in altezza e 15 in larghezz poi ce la casa vicino alla mia.. quindi io ho pensato se affitto una piattaforma e inizio a tagliare dall alto al basso, gettando i vari pezzi per terra e poi il mio socio sotto finisce di tagliarli con un altra motosega,dovremmo riuscire? il tronco e abbastanza spesso 40 cm di circonferenza a salire si restringe, i rami sono lunghi pieni di fogliame fastidioso con colla che si appicca alle mani.. tagliando corto datemi dei consigli per non fare qualche cavolata. Ditemi il nome di una buona motosega per fare questo lavoro? io ho trovato questo potrebbe andare?

http://www.edenstore.com/index3.php?articolo=F091868&codice=F091868&codCat=2.AGGI.MACC.MOSP.RA46

http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=AgXSCAjJYoHQ0qmGcsMu3mrwDQx.;_ylv=3?qid =20080815053551AAMazwq
.... comunque per finire ti dico il mio metodo, che forse può andare bene anche a te... anche se coi metri sei al limite... io non ho usato la piattaforma (era stata la prima idea..costosa)....lego all'albero da abbattere (almeno a 3 mt di altezza) una cinghia da camion con cricchetto ad un'altro albero o punto solito (quasi a terra).. verso la direzione di caduta... poi tiro leggermente faccio la tacca di taglio (nel caso tuo puoi stare alto per ridurre i metri di caduta)... dopo mi attacco al cricchetto e tiro da bestia.. (chi usa il camion... sà di che potenza dispongono tali cinghie)... per ultimo inizio a tagliare dalla parte opposta alla tacca.. un pelo più alto... e il gioco (si... x me lo è).. è fatto... e... IN PIENA SICUREZZA... a meno di ribaltare le leggi della fisica... poi finisco il lavoro a terra.
Spero di esserti stato di aiuto... se ti serve ti mando una foto... ciao..

mefito
19-08-2008, 13.13.28
...Si... può essere.... ma forse cercava solo conferme sul modo giusto da operare... (facendolo da solo)... non solo risposte... in cui si rimanda il problema ai soli "professionisti"!!!!!!!! altrimenti a cosa serve il forum... solo a sentirsi dire di chiamare questo o quello?... penso che ci sarebbe arrivato da solo......
Il forum serve anche a sconsigliare da operazioni che ad occhio profano nonèpresentano alcun rischio.
Nel post successivo che hai inserito violando una norma del regolamento del forum (che vieta di inserire messaggi consecutivi nell'arco delle 24 ore),e che dovrebbe essere facilmente considerabile,a meno che l'inesperienza non ti abbia fatto considerare ciò che a considerazioni superficiali non appariva.;)
Meno male che non è una regola che violata comporti il rischio anche di gravi conseguenze.................:rolleyes:

cepy75
20-08-2008, 01.06.00
il gioco è fatto... e... IN PIENA SICUREZZA... a meno di ribaltare le leggi della fisica... Cioè le operazioni che hai descritto sarebbero in piena sicurezza?:eek:
Parli di leggi della fisica...hai idea di tutti i possibili movimenti che può compiere una pianta durante l'abbattimento/caduta?


si iniziera a sfogliare la pianta dai rami dall altoIl ramo, una volta tagliato, come può cadere a terra se sotto di lui si ritrova ancora quelli da tagliare?

belgiardino
20-08-2008, 09.26.23
Cioè le operazioni che hai descritto sarebbero in piena sicurezza?:eek:
Parli di leggi della fisica...hai idea di tutti i possibili movimenti che può compiere una pianta durante l'abbattimento/caduta?


Il ramo, una volta tagliato, come può cadere a terra se sotto di lui si ritrova ancora quelli da tagliare?
Sinceramente.... sono basito......se rileggi ciò che ho scritto..... magari.... con una pianta legata ad un punto con tanto di tacca http://img175.imageshack.us/img175/2500/image000401zo1.jpg (http://imageshack.us)
(già quella è sufficente... adopero la cinghia solo in presenza di fabbricati).... scusa... dove dovrebbe andare???????? tornare indietro? http://img152.imageshack.us/img152/4199/image000381fd1.th.jpg (http://img152.imageshack.us/my.php?image=image000381fd1.jpg) la pianta cade con un angolo max di apertura del 30%... verso la cinghia.... poi rami??? io l'abbatto e la pulisco e seziono in terra! se invece intendi non sò cosa... io quando la pulisco e poi l'abbatto parto da sotto... a tagliare i rami... anche se ho fatto anche l'inverso senza grossi problemi... http://img152.imageshack.us/img152/3524/image000421og0.jpg (http://imageshack.us)

Actros 1857
20-08-2008, 15.11.34
A me vedere la foto di quella tacca mette molta paura....
Poi sinceramente uno che prevede una settimana per due pini con tanto di cestello...
Se è pratico come dice bastano un paio d'ore di lavoro per buttare a terra il tutto...
Comunque quoto quanto scritto da MaxB, Rimazza e Fede73

belgiardino
20-08-2008, 16.16.59
A me vedere la foto di quella tacca mette molta paura....
Poi sinceramente uno che prevede una settimana per due pini con tanto di cestello...
Se è pratico come dice bastano un paio d'ore di lavoro per buttare a terra il tutto...
Comunque quoto quanto scritto da MaxB, Rimazza e Fede73
...ma infatti la discussione è partita da giotorino.... che per sua ammissione nn è praticoo.. cercava conferme...in effetti... in una settimana con piattaforma... disboschi casa mia.... ma la settimana era intesa su sua ammissione che costava come un giorno... dalle mie parti nn è così... devi fare un mutuo..... riguardo alla tacca... funziona... ma si può fare di meglio... la foto è nata dal fatto che la pianta era inclinata verso casa a 3 mt.. e ci ho pensato un pò prima di procedere...e la tacca così l'ho pensata sul momento .. per l'inclinazione appunto... già che ci sono chiedevo per l'appunto... qualcuno sà se la tacca è la più usata? vicino a casa mia ho visto usare una tecnica che mi ha impressionato... visto che sono state tagliate piante molto alte intere a ridosso della statale... legado il cavo d'acciaio al trattore (fino a qui... normale..).. ma invece della tacca l'hanno tagliata a giro alla base... suppondo lasciando un pezzo al centro.. per poi dare un colpo col trattore e farla cadere.. sono rimasto a guardare... convinto che gli si sarebbe bloccata la barra alla minima inclinazione.. invece... tutto perfetto...

cepy75
21-08-2008, 01.17.13
Sinceramente.... sono basito......se rileggi ciò che ho scritto..... Se rileggo quanto scritto fin'ora non vedo dove possa essere la piena sicurezza affermata....
L' abbattimento piante, al di là della tecnica adottata, porta con sè fattori di rischio difficilmente valutabili anche dai più esperti direttamente sul campo...figuriamoci per via telematica...
E' stato detto che ogni pianta fa storia a se...e già qui si presenta una prima variabile!
La misura della tacca (chiamata anche scarpa, dipende dagl'usi locali) non è quantificabile...errore di valutazione può essere fatale sulla direzione di caduta e non solo...
Il legno verde possiede caratteristiche elastiche tali per cui possono scatenarsi forze non controllabili, in qualunque momento delle varie operazioni.. Molti infortuni scaturiti negl'abbattimenti avvengono proprio per questo...
La motosega è uno strumento soggetto a possibili anomalie...se succede durante il taglio che faccio? Guardo la pianta e gli dico "Aspetta un attimo che poi finisco?"

era sottinteso che parlavo di pianura..... la discussione era iniziata da quel concetto.... Ah...sottointeso da chi?

giotorino
21-08-2008, 12.55.46
Ciao..., Giotorino, a me personalmente piace vedere intrapendenza e decisione.... a sentire qualcuno... per tagliare un'albero serve una laurea... il metodo che vuoi utilizzare và bene.. (fai attenzione però..).. io tre anni fà ho acquistato una proprietà di 10000 mt.. di cui per l'80% piantumata.. ho subito eliminato tutti i pini piantati a natale.. per anni che soffocavano le piante da frutto... poi ho eliminato tre pini enormi vicino alla facciata della casa.. (stessa tua situazione) .. molto pericolosi e portatori di malattie.. (volevo ricordare a qualcuno la loro pericolosità visto lo scarso e superficiale apparato radicale)... per poi finire con un tiglio di 20 mt.. piantato a 1 mt dalla casa le cui radici mi stavano destabilizzando le fondamenta... e per queste.. cose dovrei aspettare un'autorizzazione??? che magari mi nega.. qualche approssimativo funzionario... io alla natura ci tengo molto... ma anche alla preservazione della mia e altrui vita... nonchè alla mia casa...... P.S. non avevo mai usato una motosega!.. (comunque tranne il tiglio... le altre le ho tagliate intere... ma bisogna sentirsela e avere spazio per la caduta). ciao

Grazie e proprio l aiuto morale che cercavo, tu sei una brava persona e seguirò i tuoi consigli. Infatti questi due pini mi soffocano l orto sottostante perche assorbono tutto il nutrimento al mio orto e non cresce nulla. Quest lavoro per quanto mi dispiacia per i pini sono costretto a farla per diversi motivi.. spazio per la caduta ne ho parecchio ed e un terreno libero nella mia proprietà, quindi se nessuno vorrà darmi permessi che secondo me in città non servono, perche se fossero patrimonio ambientale posso capire ma questi pini non lo sono in quanto non sa nessuno che esistono tranne quelli che li vedono.. grazie ancora ciao..

[quote=MaxB.;388698]Mi prendo la libertà di farti notare che abbattere pini oltre i dieci mentri nel bel mezzo di um centro urbano con l'uso di una piattaforma aerea non è precisamente del "fai da te".

Pochi giorni fa una persona di mia conoscenza è rimasta bloccata a 11 metri di altezza per quasi due ore poichè il motore della piattaforma si è spento. E non c'era nessun operatore per riavviarlo poichè il nolleggio era stato fatto senza. "cosa vuoi che sia, devo solo riverniciare le gronde! mica devo usare la motosega" quando i vigili del fuoco l'hanno fatto scendere con l'autoscala posso asssicurare che non era più dello stesso avviso, naturalmente non si era fatto un graffio....



gli incidenti e le morti bianche sono all ordine del giorno, se ci mettiamo a fare tutti i moralisti su questo punto di vista allora nesuno lavora piu. Anni fa chi abitava in campagna faceva dei lavori che certa gente se li sogna eppure non sono mai morti, la vostra burocrazia e esagerata perche se io me la sento posso farlo questo lavoro perche sono una persona giovane e sono in grado fisicamente di farlo, non creo danno a nessuno anzi ne do un privilegio perche tolgo una preoccupazione a tutto il vicinato visto che nessuno vuole questi pini, quindi potete dirmi cio che volete per dissuadermi ma io sono perfettamente cosciente di ciò che faccio e va bene così. Buona Giornata! anche se sono in un centro urbano sono sempre nella mia proprietà e qui il discorso e differente che andare a tagliare degl alberi in montagna..

gepedue
21-08-2008, 13.28.45
..... la vostra burocrazia e esagerata perche se io me la sento posso farlo questo lavoro perche sono una persona giovane e sono in grado fisicamente di farlo, non creo danno a nessuno ....

Senza entrare nel merito della tua decisione, mi permetto solo di farti notare che, nel malauguratissimo caso in cui ti capitasse un incidente durante questa operazione, per farti sistemare ti dovresti rivolgere alla "nostra" esagerata burocrazia, alla quale (burocrazia), e a tutti noi, arrecheresti certamente un notevole danno economico.

Ciao.

fede73
21-08-2008, 15.56.35
questa è la richiesta che va fatta per il comune di Torino:

http://www.comune.torino.it/verdepubblico/patrimonioverde/documenti_materiali/pdf/mod_ricaut_abbattimento.pdf

Il regolamento a verde pubblico del medesimo comune recita:

Articolo 23 - Salvaguardia degli arbusti e degli alberi

1. La conservazione, la valorizzazione e la diffusione del patrimonio verde, sia sulla proprietà pubblica sia su quella privata, sono riconosciute quali fattori di qualificazione ambientale.
2. Su tutto il territorio comunale devono essere conservati:
a) gli arbusti che per rarità della specie, o comunque per morfologia e vetustà risultino di particolare pregio;
b) gli alberi aventi dimensione (diametro) del tronco, misurata a 130 cm di altezza, superiore a 40 cm di diametro per le specie di prima grandezza, superiore a 35 cm di diametro per le specie di seconda grandezza e superiore a 25 cm per le specie di terza grandezza, fatti salvi gli alberi di nuovo impianto inseriti in progetti unitari anche qualora siano di diametro inferiore alle misure sopra indicate.
c) gli alberi policormici (con tronco che si divide in più fusti dal colletto) se almeno uno di essi raggiunge i 20 cm di diametro, misurato a 130 cm di altezza da terra;
d) piante poste in sostituzione obbligatoria di alberi abbattuti, anche se privi delle caratteristiche sopra elencate.
3. I soggetti compresi nei punti a) e d) sono sottoposti ai vincoli previsti dall'articolo 38 (abbattimento di alberature pubbliche).
4. Sono pure oggetto di tutela gli arbusti che raggiungono singolarmente o in gruppo un volume almeno pari a 5 mc. Le alberature di interesse paesaggistico-ambientale e storico-culturale oggetto di tutela ai sensi di leggi nazionali e regionali sono inoltre soggette alle norme specifiche di dette leggi.
5. Tali prescrizioni possono essere derogate su indicazione del Settore Gestione Verde (o S.S.D.) in caso di pubblica incolumità e nei casi previsti da normativa vigente.

Articolo 40 - Abbattimenti in ambito privato in aree non sottoposte a vincoli

1. I privati possono effettuare abbattimenti su aree di loro proprietà, senza specifiche autorizzazioni (salvo diverse indicazioni stabilite da normative sovraordinate esistenti) soltanto per esemplari al di sotto delle dimensioni di seguito riportate e non classificati come alberi monumentali o di pregio:


Tabella E
Classe di grandezza
Soglia di salvaguardia delle alberature private - misura del diametro del fusto a 1,30 m da terra

1. grandezza (altezza > 16 metri)
cm. 40

2. grandezza (altezza 10-16 metri)
cm. 35

3. grandezza (altezza < 10 metri)
cm. 30


2. Ai trasgressori sarà comminata la sanzione amministrativa prevista dall'articolo 87.
3. Per la zona centrale storica (ZCS) e le zone urbane storico ambientali (ZUST) i progetti di sistemazione complessiva (abbattimenti, rifacimenti giardini) dovranno essere sottoposti all'esame degli Uffici competenti in materia di Verde Pubblico nonché degli altri Enti di competenza.



Le sanzioni:

Articolo 87 - Definizione delle sanzioni

1. Le violazioni alle disposizioni dei regolamenti comunali comportano, ove previsto negli stessi, l'emanazione di atti finalizzati a ripristinare gli interessi pubblici pregiudicati dalle violazioni accertate (come previsto dall'articolo 19 comma 3 del Regolamento delle procedure sanzionatorie amministrative del Comune di Torino).
2. Ferma restando l'applicazione delle più gravi sanzioni penali e/o amministrative previste dalle leggi vigenti in materia, ogni violazione e inosservanza delle norme e prescrizioni del presente Regolamento è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria specificamente determinata con provvedimento della Civica Amministrazione, in conformità della disciplina generale di cui al capo I della Legge 24 novembre 1981, n.689; secondo quanto previsto dall'articolo 7 bis del Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n. 267 (Testo Unico delle Leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali), da un minimo di 25 Euro ad un massimo di 500 Euro.
3. Nella tabella allegata (vedi allegato n. 14), viene individuata la procedura sanzionatoria progressiva a seconda della diversa gravità comportamentale posta in essere dal soggetto responsabile della violazione.
4. Inoltre, se del caso, con l'applicazione della sanzione amministrativa accessoria del ripristino dello stato dei luoghi a cura e spese del responsabile della violazione e dell'inosservanza.

Direi di chiudere qui la discussione.,

Actros 1857
22-08-2008, 11.01.07
quindi non è detto che se faccio un buco in giardino... devo preoccuparmi subito... "ma ci vorrà un permesso?"...
Basta preoccuparsi PRIMA di fare il buco...eheheheheh
e se ora nel lavoro sono una figura di riferimento per tanti clienti.. in tutto il mondo...io mi sento comunque realizzato...
Ne siamo felicissimi per te...

belgiardino
22-08-2008, 11.46.58
Caro... FEDE 73.... a differenza di tante parole.... quello che hai scritto comunque è un chiarimento preciso... non sò se sia in vigore ovunque perchè in Italia, le normative cambiano quasi da paese in paese... ma quantomeno si evince che a differenza di ciò che qualcuno pensa ci sia ancora della libertà... anche se entro certi limiti... quindi non è detto che se faccio un buco in giardino... devo preoccuparmi subito... "ma ci vorrà un permesso?"... io sono in possesso di una proprietà estremamente piantumata... confinante in ogni lato con campi agricoli (lo è anche la mia proprietà).. in cui gli alberi posti sui confini sono talmente pochi che li conti con due mani... mi stò limitando a eliminare le piante pericolose e dannose.. e sistemare (piantandone anche di nuove "noci"), per formare un parco gradevole e ordinato... (prima era abbandonato a se stesso da 20 anni).. e pieno di rovi e infestanti... ma se a me dovrebbero dire qualcosa... al vecchio proprietario... che dovevano.. fare?... comunque non fà niente... questa era una semplice constatazione..

rinnovo la mia stima a giotorino... visto che nella vita ciò che ho fatto... fino ad ora.. e non è poco... ho usato quasi esclusivamente le mie forze... il mio ingegno.. e intrapendenza... così nella vita privata che anche nel lavoro.. e se ora nel lavoro sono una figura di riferimento per tanti clienti.. in tutto il mondo...io mi sento comunque realizzato...

Per ilmarronaro.....

Per quanto riguarda lo strappo degli alberi tagliati a ridossso della strada indicata da belgiardino, bè che dire, sarebbe certo piu sicuro usare la tecnica tacca verricello, ma se a loro va bene così. Mi viene solo un dubbio, non è che magari lasciano i tronchi interi perche magari sono faggi o altre essenze da falegnameria e quindi fare la tacca rovinerebbe una parte di tronco? Comunque il tronco si rovina anche strappando come fanno loro. Facci sapere che alberi sono e per curiosità che trattore usano per dare sti colpi, perchè se gli alberi sono molto grandi dovrebbe esser un discreto mezzo
---------
Mi spiego meglio... gli alberi erano pioppe.. alte sui 15-20 mt.. mi sono fermato a guardare perchè appunto il tipo tagliava alla base... inserendo la lama e girando intorno.. come per tagliarla tutta(???ma mi sembrava strano..) penso che ne abbia lasciato un parte centrale (anzi x forza)... ma la cosa strana che dovava essere piccola ero un pò distante ma dopo l'abbattimento non si notava... poi durante il taglio.. mi sono accorto del filo di acciaio legato a 3-4 mt di altezza e fissato ad un trattore che lo teneva appena in tensione..( di trattori non me ne intendo.. ma sembrava un same... o similare ma quelli vecchi arancioni senza cabina... vecchio insomma... ma non grande..difatti non sò come finiva se la pianta per qualsiasi ragione decideva di andare dalla parte opposta.. prima del tiro.. il trattore non aveva l'aria di sostenerla...)... dopo un pò che con la lama girava intorno alla base affondando verso il centro si è fermato(la pianta restava ancora in piedi)..a questo punto il trattore ha dato un piccolo strattone e la pianta è venuta giù.. per poi sezionarla subito in terra (quindi non lasciata intera).. in effetti è tutto simile a come faccio io.. ma io uso la tacca verso la corda nella direzione di caduta e la lego ad un punto sicuro..... l'unica cosa che mi ha lasciato perplesso e la sicurezza con cui tagliava.. apparentemente senza paura di blocchi di lama.. (a me è successo spesso anche solo per tagliare rami abbastanza grossi.. ) (certo.. per miei errori.....)...

MaxB.
22-08-2008, 17.03.07
se ci mettiamo a fare tutti i moralisti su questo punto di vista allora nesuno lavora piu......

Anni fa chi abitava in campagna faceva dei lavori che certa gente se li sogna eppure non sono mai morti...

la vostra burocrazia e esagerata perche se io me la sento posso farlo questo lavoro perche sono una persona giovane e sono in grado fisicamente di farlo, non creo danno a nessuno anzi ne do un privilegio perche tolgo una preoccupazione a tutto il vicinato visto che nessuno vuole questi pini, quindi potete dirmi cio che volete per dissuadermi ma io sono perfettamente cosciente di ciò che faccio e va bene così.

Visto? cosa dicevo io ?
Con queste premesse io mi chiamo fuori e desisto da ogni altro ragionamento.

rufus77
22-08-2008, 21.55.06
Leggere certe cose mi viene in mente i filmati che passano ogni tanto a Paperissina su fantomatici abbattitori di alberi.
Dai magari vinci il primo premio.....

cepy75
23-08-2008, 01.20.48
potete dirmi cio che volete ma io sono perfettamente cosciente di ciò che faccio e va bene così.Allora perchè posti su un forum? :l: ;)

vinceco
23-08-2008, 19.29.59
se sei cosi deciso cosa vieni a chiedere consigli qui. con una settimana di noleggio di una piattaforma ti paghi un professionista che in una mattina tè le mette a terra e poi puoi puoi sistemartele tu. http://img374.imageshack.us/img374/9734/sequoiameranoft2.th.jpg (http://img374.imageshack.us/my.php?image=sequoiameranoft2.jpg)
ciao a tutti e ben trovati.perfetto condivido in pieno quello che hai detto,a volte bisogna farsi un pò di conti(quasi sempre),mettendo in conto innanzi tutto il rischio,la spesa e tutto il resto fermo restando che poi in fai da te ognuno decide (a suo rischio))quello che fare.secondo me lui già parte con il piede sbagliato sul fatto che pensa di non chiedere autorizzazioni a nessuno(la proprietà è la mia),non è così per abbattimenti specialmente in centri abitati dove tutto è sotto l'occhio di tutti,ti fanno un c... e se poi ci dovessero essere complicazioni di qualsiasi genere allora poi si dice forse era meglio se..... prevenire e m eglio che curare.per il resto se decide(e secondo me a già deciso) allora i nostri consigli contano poco.io gli posso solo fare un in bocca al lupo e che tutto vada per il meglio.ciao vincenzo

giotorino
27-08-2008, 21.17.33
belin, risiedi a genova e mi mandi il regolamento di torino, perche?

mefito
27-08-2008, 21.31.35
belin, risiedi a genova e mi mandi il regolamento di torino, perche?
E' gentile,ma sempre polemico...........

giotorino
27-08-2008, 21.32.36
No vabbe stavo scherzando riguardo alla frase di prima, anche perche il genovese non lo so, pero apparte gli scherzi riesci a trovarmi on line anche il modulo come quello che hai trovato di Torino anche per Nichelino.. io ho guardato sul sito di Nichelino e c'è il modulo dia di inizio lavori ma credo sia quello per i lavori della casa e non rigurda gli alberi.. attendo tue notizie, grazie anticipate! Senno andro in comune ad informarmi anche perche sono un po preoccupato, troppa gente guarda, se mi mandano i vigili poi chissa cosa mi devo inventare..

Actros 1857
27-08-2008, 21.35.59
Ma come, prima non serviva e adesso lo cerchi?
Andare in comune a chiedere ti costa tanto?
Sinceramente questo non è un sito per la ricerca di documentazione....ti è stato detto ciò che devi chiedere, vai nel tuo comune di residenza e chiedi...
Mi pare un poco semplice come ragionamento...

fede73
27-08-2008, 21.41.38
belin, risiedi a genova e mi mandi il regolamento di torino, perche?

semplicemnte perchè è il comune più vicino a te che ha on line quella documentazione.
Il comune di Genova non lo mette, ma la sostanza è la stessa per tutti. Le linee guida vengono tutte da Roma dal ministero dell'ambiente.

vinceco
28-08-2008, 09.32.55
semplicemnte perchè è il comune più vicino a te che ha on line quella documentazione.
Il comune di Genova non lo mette, ma la sostanza è la stessa per tutti. Le linee guida vengono tutte da Roma dal ministero dell'ambiente.
ciao fede,secondo me state solo perdendo tempo......non vi darà mai la soddisfazione di dirvi avete ragione ,ancora non lo avete capito?:)ciao
vincenzo

Lanerossi
08-09-2008, 13.19.14
Salve a tutti, intervengo su questo post non per dire la mia, in quanto "apprendista non-fai-da-te" ma in veste di interessato.
Ho richiesto infatti vari preventivi per l'abbattimento di 7 alberi ad alto fusto in giardino (3 pini, 4 abeti) e 3 pioppi nel terreno adiacente alla mia abitazione.
Al di là dei vari prezzi che mi sono stati fatti, a mia esplicita domanda, a tutti coloro ai quali ho richiesto il preventivo, tutti mi hanno risposto che non occorre nessuna autorizzazione.
A leggere in queste pagine sembra invece che sia quasi sempre necessario. Faccio presente che i preventivi, ovviamente, li ho chiesti a gente del mestiere, non ai panettieri.
Che mi consigliate, sarà meglio che faccia una telefonata al Comune di Lucca?
Grazie.

fede73
08-09-2008, 15.26.44
Tu un colpo di telefono dallo...... sia al comune che alla forestale. Non si può dire di chi sia la competenza (ambito urbano o rurale....)

Lanerossi
10-09-2008, 13.37.10
Tu un colpo di telefono dallo...... sia al comune che alla forestale. Non si può dire di chi sia la competenza (ambito urbano o rurale....)

Ti ringrazio per il consiglio. Ho telefonato e mi hanno detto che se non sono alberi secolari non c'è bisogno di nessun permesso.

fede73
10-09-2008, 22.57.39
Miseria, sono di manica larga li.... nei comuni qui in giro almeno vengono a vedere, Anche perchè per il privato la stima dell'età dell'albero ( a meno che non si abbiano notizie certe) non è cosa facile.
Per curiosità chi hai interpellato?

Lanerossi
12-09-2008, 15.28.53
Ho telefonato all'ufficio ambiente del Comune di Lucca.
Come avevo già scritto però anche quelli che mi hanno fatto i preventivi mi avevano escluso la necessità di permessi.
La casa è stata costruita negli anni 60, al posto degli alberi che buttiamo giù ne metteremo comunque altri, ma pensavamo ad alberi che rimangono spogli in inverno, per far prendere meno umidità alla casa.

A fine mese mi verranno potati (ridotti) due alberi in giardino, perchè troppo vicini alla casa e troppo alti e grandi, un cedro del Libano e un abete. Gli alberi in questione verranno abbassati e ridotti, ovviamente riducendo la lunghezza dei rami più larghi.
Volevo sapere se il periodo è adatto per un lavoro del genere, abito a Lucca e quindi non dovrebbe fare particolarmente freddo.
Nel caso contrario gradirei sapere quando è il momento favorevole.
Grazie.:)

silvano68
16-09-2008, 21.59.46
il cedro del libano reagisce relativamente bene alle potature, anche se non so dirti qual'e' il periodo ottimale per farlo.lo stesso non si puo' dire per l' abete, che mal sopporta questo tipo di interventi, perche' ha forti difficolta' a formare nuovi ricacci. Se intendi intervenirein modo drastico, valuta se non sia il caso di abbatterlo completamente. ciao

Lanerossi
25-09-2008, 12.17.47
Grazie Silvano68, l'abete non verrà ridotto drasticamente, la mia paura è un po' soprattutto per il cedro del libano, che viene potato proprio nel periodo che comincia a fare quella polverina gialla.

giraffa
08-05-2010, 16.34.47
La prima cosa da fare è chiedere i permessi per il taglio presso il tuo comune.
Gli alberi saranno pure nella tua proprietà ma sono considerati un "bene comune", quindi non puoi disporne a tuo piacimento.
Il comune di Genova prevede che i permessi vadano chiesti anche per esemplari già morti e non fa differenza che si trovino in zone vincolate o no.

Che tu possa eseguire il lavoro da solo e in sicurezza ho forti dubbi da quello che scrivi.

Ciao!
Anche io sono di Genova.
Sapresti darmi maggiori info sulla tutela del verde da parte del comune di Genova?
Magari un link del regolamento comunale in proposito.
Ho un problema con un abete e non so come muovermi.
Grazie! :)

fede73
08-05-2010, 17.36.43
Allora... queste sono le ultime:

- vai all'ufficio Edilizia Privata, Matitone, 11° piano.
- c'è una mappa del comune con evidenziate le zone con vincolo paesaggistico. Civico per civico.

Caso A: il tuo civico è in zona libera, fai quello che vuoi. Anche fosse un Baobab lo puoi togliere.
Caso B: zona vincolata... ti raccomandi al signore... ci vuole una perizia da parte di un agrotecnico, va presentata la domanda in comune dove giace per acuni mesi e generalmente si perde....

Con l'abete cosa vorresti fare? tagliarlo? ci sono motivi di pericolosità oggettiva? dove abiti?

rufus77
08-05-2010, 20.26.18
Mi permetto di aggiungere che il nolleggio della piattaforma aerea(qui si parla almeno di un 16 metri) date le premesse, va necessariamente fatto con operatore in quelle condizioni nemmeno per tutto l'oro del mondo farei salire una persona che non è un professionista esperto. E meno che mai lascrei a terra un collaboratore senza che questi sia completamente atrezzato con dispositivi individuali di protezione e necessario addestramento( qui si parla a cuor leggero di scaraventare sezioni di albero già da 15 metri....) Mi permetto di rammentare che la sicurezza deve essere un target preciso, non un fastidioso optional.

A seguito di quanto sopra inoltre mi permetto di sottolineare che sarebbe imprudenza affidare al addetto al taglio una motosega da 4 soldi. Il nolleggio delle piattaforme aeree si paga caro(ad ore) e cioè avere un prodotto che si magari si spegne più volte( quindi su e giù con il braccio) può essere più penalizzante che acquistare in partenza una motosega di buona qualità (possibilmente una di quelle"da potatura")

dalle mie parti noleggiano piattaforme fino 19 m senza operatore

giraffa
09-05-2010, 11.00.09
Allora... queste sono le ultime:

- vai all'ufficio Edilizia Privata, Matitone, 11° piano.
- c'è una mappa del comune con evidenziate le zone con vincolo paesaggistico. Civico per civico.

Caso A: il tuo civico è in zona libera, fai quello che vuoi. Anche fosse un Baobab lo puoi togliere.
Caso B: zona vincolata... ti raccomandi al signore... ci vuole una perizia da parte di un agrotecnico, va presentata la domanda in comune dove giace per acuni mesi e generalmente si perde....

Con l'abete cosa vorresti fare? tagliarlo? ci sono motivi di pericolosità oggettiva? dove abiti?

Ti spiego:
Ho appena acquistato casa con giardino. In questo giardino vicino al muro di confine tra la mia proprietà ed un passo condominiale, ed ad una distanza non legale... meno di 50 cm, c'è un meraviglioso abete di almeno 25 anni... è molto alto.
Aggiungo che tale muro è di contenimento del terreno del mio giardino, visto che è un giardino terrazzato e sovrasta il passaggio condominiale. Il passo condominiale è stato aperto grazie ad una donazione che fece il vecchio proprietraio del mio appartamento/giardino. Donò al condominio una parte del suo terreno per permettere la costruzione del passo condominiale.
Adesso le radici di questo abete stanno sgretolando il muro di confine con il pericolo che sassi e calcinacci possano cadere addosso ai condomini che usano detto passo.
Vorrei farlo riparare, e mi sto informando se posso chiedere al condominio di ripartire le spese nella misura del 50 e 50: 50% a mio solo carico e 50% al condominio, oppure se la spesa è solo di mia spettanza od addirittura solo condominiale.

CITO:
09 Novembre 2004 Tribunale di Genova n. 4197 sez. III che al paragrafo 4.2
'trattandosi di fondi a dislivello in gran parte artificiale, non si applica la regola posta dall'art. 887 comma 1 c.c. per cui l'onere della manutenzione del muro grava non sul proprietario del fondo superiore, in quanto tale, ma su coloro che hanno realizzato il dislivello, e cioé su coloro che hanno costruito gli edifici in zona e loro aventi causa: quelli a valle del muro (...), da proteggere dalla caduta di materiali e quelli a monte, per contenimento del terrapieno, protezione delle fondazioni e quant'altro sopra accertato (...)'.

Riguardo l'abete: l'albero è vero che è nel mio giardino, ma è li da anni e credo che non possa toccarlo senza autorizzazione comunale. La zona è sopra piazza Manin. Abbatterlo mi pare un delitto... è bellissimo... ma... boh? Se interpello i vigili del fuoco?

fede73
09-05-2010, 13.11.06
I v.v.f.f. non sono competenti, l'unico è il comune.
Se la pianta è li da più di, mi pare, 30 anni ha usucapito ildiritto di rimanerci.
Per l'abbattimento è tutto demandato alla mappa di cui al mio post precedente. Penso ti convenga nterpellare un legale per avere chiarimenti in merito.

gigiu
09-05-2010, 13.47.54
Anche nel mio comune (lecco) ci sono zone di rispetto dove per abbattere è necessaria una domanda motivata e documentata che deve essere approvata da a pposita commmissione, in tempi decenti(circa 15gg) e spesso con obbligo di ripiantumazione ed altre dove è sufficiente una comunicazione con tacito assenso dopo 7gg.
concordo con l'usucapione di cui sopra anche perchè ,se ho ben capito,pianta e muro erano già esistenti prima della divisione/cessione del terreno.non ricordo i numeri degli articoli ma il codice civile è chiaro " fatti salvi usi e consuetudini locali"

giraffa
09-05-2010, 14.15.23
I v.v.f.f. non sono competenti, l'unico è il comune.
Se la pianta è li da più di, mi pare, 30 anni ha usucapito ildiritto di rimanerci.
Per l'abbattimento è tutto demandato alla mappa di cui al mio post precedente. Penso ti convenga nterpellare un legale per avere chiarimenti in merito.

Guarda io la pianta vorrei non abbatterla. Mi piange il cuore al solo pensiero. L'usucapione se non erro parla di 20 anni e credo che l'abete ce li abbia.
Vorrei mettere in sicurezza pianta e muro.
Ci riuscirò? :444:


concordo con l'usucapione di cui sopra anche perchè ,se ho ben capito,pianta e muro erano già esistenti prima della divisione/cessione del terreno, non ricordo i numeri degli articoli ma il codice civile è chiaro " fatti salvi usi e consuetudini locali"

Questo non lo so, devo informarmi.
A naso credo che il muro sia stato costruito per scavare nel terreno l'accesso condominiale.
Qui a Genova sulle alture era prassi normale fare ciò.
Se riuscissi a ricordare gli articoli ma il codice civile... ;)

minicuccu
27-06-2010, 10.01.01
Intervengo, se mi permettete, per porre anch'io un quesito. A fine mese mi verranno potati (ridotti) due alberi in giardino, perchè troppo vicini alla casa e troppo alti e grandi, un cedro del Libano e un abete. Gli alberi in questione verranno abbassati e ridotti, ovviamente riducendo la lunghezza dei rami più larghi.
Volevo sapere se il periodo è adatto per un lavoro del genere, abito a Lucca e quindi non dovrebbe fare particolarmente freddo.
Nel caso contrario gradirei sapere quando è il momento favorevole.
Grazie e mi scuso per l'intromissione in casa altrui.:)

Ciao a tutti, questo è il mio primo post.
Consiglio a Lanerossi di controllare il regolamento comunale se è previsto qualche adempimento in merito all'aspetto tecnico e alla possibilità di effettuare l'intervento .
Per fare un esempio, nel Comune di Firenze per interventi su alberature urbane private è prevista la valutazione di stabilità dell'albero (VTA) da parte di un tecnico abilitato.

giraffa
28-06-2010, 11.22.26
A me pare che si stia esagerando con i permessi.
Va bene non abbattere alla cecata... ma qui a Genova devi chiedere un sopralluogo anche per tagliare alberi secchi, pericolanti e quindi pericolosi... una infinita lungaggine burocratica quando invece ci vorrebbe un intervento celere.

Lanerossi
05-07-2010, 17.02.54
Ciao a tutti, questo è il mio primo post.
Consiglio a Lanerossi di controllare il regolamento comunale se è previsto qualche adempimento in merito all'aspetto tecnico e alla possibilità di effettuare l'intervento .
Per fare un esempio, nel Comune di Firenze per interventi su alberature urbane private è prevista la valutazione di stabilità dell'albero (VTA) da parte di un tecnico abilitato.

Ti ringrazio per l'interessamento, oramai sono passati quasi 2 anni e il lavoro è terminato. Mi ero informato e nella zona in cui abito non c'è bisogno di alcuna autorizzazione.

husky346
10-09-2010, 17.55.23
Ma vi sentite anzi leggete! uno i lavori li farà un po' come gli pare! tanto i soldi sono i suoi! nn è perchè fa il farmacista nn sia in grado di tagliare un albero! adesso perchè ci sono i giardinieri allora i lavori li devono fare tutti loro per via della sicurezza! autorizzazioni a parte che finalmente ci sono i soldi un cittadino in questo periodo vorrebbe forse risparmiarli anche se nn so quanto risparmi se magari si fa male... qui quindi dò ragione ai professionisti! da professionista e tree climber da poco e abbattitore da molto tempo nn è poi difficile abbattere un albero! un po di logica e tanta paura di sbagliare! perchè la paura fa ragionare prima di fare la cavolata che magari distrugge qualcosa sotto! l'importante comunque alla fine della storia è la sicurezza perchè un dito o qualcosa del corpo in meno crea qualche noia quindi prudenza e per i novellini delle attrezzature LEGGERE I LIBRETTI DI ISTRUZIONI

mirco76
12-09-2010, 15.42.50
A me pare che si stia esagerando con i permessi.
Va bene non abbattere alla cecata... ma qui a Genova devi chiedere un sopralluogo anche per tagliare alberi secchi, pericolanti e quindi pericolosi... una infinita lungaggine burocratica quando invece ci vorrebbe un intervento celere.
qui in toscana , sud provincia di siena è anche peggio!!:help::222:

giraffa
13-09-2010, 09.28.04
qui in toscana , sud provincia di siena è anche peggio!!:help::222:

Una domanda.
Sopralluoghi e permessi sono gratuiti o bisogna pagare qualcosa?

mirco76
13-09-2010, 21.33.41
Una domanda.
Sopralluoghi e permessi sono gratuiti o bisogna pagare qualcosa?
per ora sono gratuiti , ma per avere un appuntamento!!!!!!!!!!!!!!!

loste75
23-10-2010, 19.52.09
Buona sera,devo fare pulizia (taglio piante morte e cadute) all'interno dei miei boschi,sono in provincia di Varese,devo chiedere qualche particolare autorizzazione?a chi mi devo rivolgere?
Lo stesso vale per la pulizia del sottobosco(foglie)?Grazie ancora per la gentile collaborazione.Steafno

fede73
06-12-2010, 23.18.27
Questo è il nuovo delirante regolamento del comune di genova:

http://docs.google.com/viewer?a=v&q=cache:QbFH-FMqukQJ:www.comune.genova.it/servlets/resources%3FcontentId%3D532240%26resourceName%3DAl legato1+regolamento+comunale+giardni+genova&hl=it&gl=it&pid=bl&srcid=ADGEESjkVfwr5KNMm_7XaBsN56_gr3nwDr3e0czftB0_ 9AAofYXC5Ttfc0vQITt9Abv-njCuNCSXs2jmZLZ0lTVwgmDpymk_e7T7Wc3DoDj6AXxc0AsguZ uPAsL5gxiR2MTN4ejMNkt7&sig=AHIEtbT6gPbbXIEm4lijxzMdmwwwLEb4ww

Assolutamente sconnesso dalla realtà.....

giraffa
07-12-2010, 09.29.47
Questo è il nuovo delirante regolamento del comune di genova:

http://docs.google.com/viewer?a=v&q=cache:QbFH-FMqukQJ:www.comune.genova.it/servlets/resources%3FcontentId%3D532240%26resourceName%3DAl legato1+regolamento+comunale+giardni+genova&hl=it&gl=it&pid=bl&srcid=ADGEESjkVfwr5KNMm_7XaBsN56_gr3nwDr3e0czftB0_ 9AAofYXC5Ttfc0vQITt9Abv-njCuNCSXs2jmZLZ0lTVwgmDpymk_e7T7Wc3DoDj6AXxc0AsguZ uPAsL5gxiR2MTN4ejMNkt7&sig=AHIEtbT6gPbbXIEm4lijxzMdmwwwLEb4ww

Assolutamente sconnesso dalla realtà.....

Roba da pazzi... vado a studiare! :help:

90 c
07-12-2010, 12.30.12
Questo è il nuovo delirante regolamento del comune di genova:

http://docs.google.com/viewer?a=v&q=cache:QbFH-FMqukQJ:www.comune.genova.it/servlets/resources%3FcontentId%3D532240%26resourceName%3DAl legato1+regolamento+comunale+giardni+genova&hl=it&gl=it&pid=bl&srcid=ADGEESjkVfwr5KNMm_7XaBsN56_gr3nwDr3e0czftB0_ 9AAofYXC5Ttfc0vQITt9Abv-njCuNCSXs2jmZLZ0lTVwgmDpymk_e7T7Wc3DoDj6AXxc0AsguZ uPAsL5gxiR2MTN4ejMNkt7&sig=AHIEtbT6gPbbXIEm4lijxzMdmwwwLEb4ww

Assolutamente sconnesso dalla realtà.....

Conoscendo la pratica del copia ed incolla praticata dalle "laboriose" amministrazioni, non mi meraviglia che lo rivedrevo in altri regolamenti comunali.
Io non sarei così severo nel giudizio.
Pur avendo dato solo una lettura veloce al testo, vedo che è molto dettagliato e completo. Regolamenta bene ogni casistica.
Sarei curioso di sapere cosa non va nel regolamento secondo il tuo parere.

fede73
07-12-2010, 14.16.59
Ti ho mandato un mp....

E' delirante non tanto per i contenuti. Quanto per la serie di norme assolutamente inattuabili.
L' articolo 6 sentenzia che le potature non sono necessarie, peccato che in una città come Genova si viva gli uni sugli altri, aggrappati alle colline, con gli alberi cresciuti in cortili di dimensioni pari al diametro del tronco stesso....
La settimana scorsa abbiamo potato 6 lecci in un condominio con i rami dentro (e dico dentro) i terrazzi del primo e secondo piano.. e questa è la norma.

Prova a chiedere a giraffa in che situazione si trova grazie alla nostra illuminata giunta....

Noi ci siamo abituati, il comportamento abituale dell' amministrazione è quello di inserire più regole il più farraginose possibili in maniera da poter poi sanzionare il primo che capita.

Come ciliegina sulla torta di questo regolamento a tutt'oggi non ne sanno nulla sia Polizia Municipale che gli uffici dell' edilizia privata che rilasciano le visure catastali per le zone non vincolate dove sono permessi gli abbattimenti.

giraffa
08-12-2010, 10.53.23
Io ho un abete rosso che pericolosamente è stato piantato a ridosso di un palazzo... e che con le radici sta spaccando un muro (dista meno di 50 cm da detto muro) ... che delimita delle scale condominiali.
Me lo fatanno abbattere? Bo? Se cade voglio vedere io....
Inoltre ho degli alberi di fico che stanno crescendo sulle mura del vecchio acquedotto... che è del comune.
Già mandata una raccomandata per chiedere un intervento. Risposte? Nessuna. Silenzio e menefreghismo totali. Al comune che latita le multe chi le fa?

Ti ho mandato un mp....

E' delirante non tanto per i contenuti. Quanto per la serie di norme assolutamente inattuabili.
L' articolo 6 sentenzia che le potature non sono necessarie, peccato che in una città come Genova si viva gli uni sugli altri, aggrappati alle colline, con gli alberi cresciuti in cortili di dimensioni pari al diametro del tronco stesso....
La settimana scorsa abbiamo potato 6 lecci in un condominio con i rami dentro (e dico dentro) i terrazzi del primo e secondo piano.. e questa è la norma.

Prova a chiedere a giraffa in che situazione si trova grazie alla nostra illuminata giunta....

Noi ci siamo abituati, il comportamento abituale dell' amministrazione è quello di inserire più regole il più farraginose possibili in maniera da poter poi sanzionare il primo che capita.

Come ciliegina sulla torta di questo regolamento a tutt'oggi non ne sanno nulla sia Polizia Municipale che gli uffici dell' edilizia privata che rilasciano le visure catastali per le zone non vincolate dove sono permessi gli abbattimenti.


Magnificamente inefficienti.... :444: :( :help:

90 c
08-12-2010, 18.17.51
Ti ho mandato un mp....

E' delirante non tanto per i contenuti. Quanto per la serie di norme assolutamente inattuabili.
L' articolo 6 sentenzia che le potature non sono necessarie, peccato che in una città come Genova si viva gli uni sugli altri, aggrappati alle colline, con gli alberi cresciuti in cortili di dimensioni pari al diametro del tronco stesso....
La settimana scorsa abbiamo potato 6 lecci in un condominio con i rami dentro (e dico dentro) i terrazzi del primo e secondo piano.. e questa è la norma.

Prova a chiedere a giraffa in che situazione si trova grazie alla nostra illuminata giunta....

Noi ci siamo abituati, il comportamento abituale dell' amministrazione è quello di inserire più regole il più farraginose possibili in maniera da poter poi sanzionare il primo che capita.

Come ciliegina sulla torta di questo regolamento a tutt'oggi non ne sanno nulla sia Polizia Municipale che gli uffici dell' edilizia privata che rilasciano le visure catastali per le zone non vincolate dove sono permessi gli abbattimenti.

Concordo che alcuni passaggi sono molto "teorici" ed hanno scarso impegno nella pratica.
Tuttavia se poni bene attenzione regolamentano casi che la nostra dottrina lascia troppo vaghi (ad esempio i "rami protesi" o le radici).
Il problema principale che si evince è che in questo modo resta poco spazio libero alle iniziative personali, seppure nel rispetto della buona pratica, senza una "certificazione".
Certamente questo appesantisce la prassi ma tutela maggiormente ogni singolo cittadino.

giraffa
09-12-2010, 17.40.48
Appesantisce la prassi ed alleggerisce il portafogli.
Non credo che le certificazioni siano gratuite.
Alla fine si traduce tutto nel solito business che mette mano nelle tasche dei cittadini.
Come la certificazione degli impianti, la certificazione energetica e via dicendo.
Pertanto tutela maggiore ma a pagamento.
E francamente non lo trovo giusto.
Ma ormai è chiaro che i comuni non sono al servizio dei cittadini... ma viceversa.
Se poi è tutto gratuito, perchè effettivamente il SOLO ed UNICO fine è quello di tutelare il verde... allora mi rimangio tutto.

90 c
09-12-2010, 18.10.35
Appesantisce la prassi ed alleggerisce il portafogli.
Non credo che le certificazioni siano gratuite.
Alla fine si traduce tutto nel solito business che mette mano nelle tasche dei cittadini.
Come la certificazione degli impianti, la certificazione energetica e via dicendo.
Pertanto tutela maggiore ma a pagamento.
E francamente non lo trovo giusto.
Ma ormai è chiaro che i comuni non sono al servizio dei cittadini... ma viceversa.
Se poi è tutto gratuito, perchè effettivamente il SOLO ed UNICO fine è quello di tutelare il verde... allora mi rimangio tutto.

Nulla è gratuito. Una situazione molto simile in un paesino italiano viene gestita per mezzo di un agronomo assunto part-time presso l'amministrazione comunale. Il cittadino direttamente non paga nulla. "Controlla" il verde pubblico coordinando gli operatori ed effettua monitoraggio insieme al Corpo Forestale dello Stato del "verde" presente nel comprensorio. Ogni intervento sul verde pubblico o privato è regolamentato previo intervento di questi ultimi.
Magari all' inizio infastidisce, ma gli effetti benefici sono molteplici e non costa nulla direttamente.
Non conosco la realtà del comune di Genova, però dove non ci sono le regole i prepotenti sguazzano e gli onesti soffrono.
Se poi le leggi vengono fatte per agevolare prepotenti e disonesti diviene un serio problema.

Actros 1857
09-12-2010, 18.12.03
Mi piace molto questo passaggio che si ripete spesso:
Il materiale di risulta dell’abbattimento dovrà essere accantonato e conservato, per i
successivi eventuali accertamenti da parte del Comune, per giorni 15 dalla data di abbattimento
Già in Liguria non avete spazio...se poi dovete tenervi tutto il materiale di risulta siete a posto.
Per materiale di risulta correggetemi se sbaglio, si intende tutto, rami compresi...quindi no cippatura o operazioni similari, giusto?

cepy75
09-12-2010, 18.15.30
Ora è da un po' d' anni che sono fuori dal giro potature....che tipo d' accertamento è necessario?

fede73
09-12-2010, 22.12.23
Già in Liguria non avete spazio...se poi dovete tenervi tutto il materiale di risulta siete a posto.
Per materiale di risulta correggetemi se sbaglio, si intende tutto, rami compresi...quindi no cippatura o operazioni similari, giusto?


Appunto.... chiaramente nessuno lo farà mai sperando in una non sanzione, anche perchè nel momento in cui l'abbattimento è effettuato legno e rami diventano "rifiuto biodegradabile" e quindi non possono essere detenuti ma devono essere conferiti in discarica.

Tutte le perizie per gli abbattimenti sono a titolo oneroso, agronomi e agrotecnici , infatti, sono contentissimi del testo......

@giraffa:

sono sacre anche le piante da frutto di più di 30 anni..... qundi il fico può abbattere tranquilamente casa tua....

Ora è da un po' d' anni che sono fuori dal giro potature....che tipo d' accertamento è necessario?

Riguarda l' abbattimento di alberi morti.... devi fare prima le foto, compliare apposita modulistica. Poi tenere da parte rami e tronco perchè posso venire a controllare se l'albero era morto davvero..... non se ne fanno scappare uno.....

giraffa
10-12-2010, 09.01.17
@giraffa:

sono sacre anche le piante da frutto di più di 30 anni..... qundi il fico può abbattere tranquilamente casa tua....



OK.
Allora io faccio la richiesta per abbattere il fico ed il peccio.
Con consulenza di un agronomo allegata.
La richiesta viene rigettata.
Cadono gli alberi addosso al palazzo e qualcuno si fa male.
IO SONO POSTO per quanto concerne le responsabilità?
Spero di si.
Altrimenti me ne frego del regolamento e taglio tutto.

Nulla è gratuito. Una situazione molto simile in un paesino italiano viene gestita per mezzo di un agronomo assunto part-time presso l'amministrazione comunale. Il cittadino direttamente non paga nulla. "Controlla" il verde pubblico coordinando gli operatori ed effettua monitoraggio insieme al Corpo Forestale dello Stato del "verde" presente nel comprensorio. Ogni intervento sul verde pubblico o privato è regolamentato previo intervento di questi ultimi.
Magari all' inizio infastidisce, ma gli effetti benefici sono molteplici e non costa nulla direttamente.
Non conosco la realtà del comune di Genova, però dove non ci sono le regole i prepotenti sguazzano e gli onesti soffrono.
Se poi le leggi vengono fatte per agevolare prepotenti e disonesti diviene un serio problema.

Non credo che a Genova abbiano queste attenzioni per i contribuenti.
Anzi da come dice Fede, e ci credo, è tutto a carico del cittadino.
I prepotenti con le attuali norme sguazzano comunque. Alla grande.
MAI visto un cittadino onesto e rispettoso del regolamento premiato e tutelato da un'amministrazione. MAI.
Non sono più una bimba... quindi parlo per esperienza.
Anzi più vuoi rispettare le regole più ti incasini la vita e spendi soldi.
Le assurdità italiane.
Perchè?
Perchè i regolamenti non servono a tutelare il bene comune e la vita comune ma solo a fare cassa.

fede73
10-12-2010, 20.47.16
Leggi bene.. ora se c'è il carattere di "straordinarietà" basta una relazione dei Vigili del Fuoco o della Forestale..... quindi per quelle cose si scampa l'agronomo.....

giraffa
01-01-2011, 11.53.36
Leggi bene.. ora se c'è il carattere di "straordinarietà" basta una relazione dei Vigili del Fuoco o della Forestale..... quindi per quelle cose si scampa l'agronomo.....

OK. Ma cosa si intende per straordinarietà? :l:

fede73
01-01-2011, 12.53.22
Intanto buon anno,

penso che sia un elemento valutato dal tecnico sul posto: albero pericolante. chiami la Forestale o i VVFF, loro stilano un rapporto e dicono che ci sono elementi di pericolosità immediata.

giraffa
02-01-2011, 09.53.33
Intanto buon anno,

penso che sia un elemento valutato dal tecnico sul posto: albero pericolante. chiami la Forestale o i VVFF, loro stilano un rapporto e dicono che ci sono elementi di pericolosità immediata.

Buon anno anche a te! Passato bene?
Uhmm... è da valutare questo intervento. ;)
Leggevo anche le norme sulle distanze legali rispetto ai muri di confine... se un albero ad alto fusto non le rispetta (3 metri) il vicino può chiederne l'abbattimento.
Il mio abete rosso non le rispetta ( è a 50 cm dal muro...) ed il condominio mi ha già ventilato la richiesta di abbattimento...
Ciao! :)

giraffa
07-11-2012, 17.07.22
Intanto buon anno,

penso che sia un elemento valutato dal tecnico sul posto: albero pericolante. chiami la Forestale o i VVFF, loro stilano un rapporto e dicono che ci sono elementi di pericolosità immediata.

Ciao forum, ciao Fede.
Mi ripropongo dopo un po'.
Aggiorno sulla questione abbattimento albero.
Ho contattato Forestale e servizio fitosanitario per la straordinarietà ma, nonostante sul regolamento verde non sia ben chiaro, dicono che loro non trattano situazioni relative ad alberi di privati.
Inoltre... rileggendo bene il regolamento questo dice che
- Negli ambiti soggetti a tutela paesaggistica gli abbattimenti di piante, così come le sistemazioni di spazi liberi, sono soggetti ad autorizzazione paesaggistica poiché modificano lo stato dei luoghi tutelati ai sensi del D.Lgs 42/04 e s.m.i.
- sono soggetti ad autorizzazione paesaggistica alberi o arbusti oggetto di salvaguardia,
- sono soggetti ad autorizzazione paesaggistica gli alberi aventi circonferenza del tronco superiore a 78,5 cm (ø > 25 cm) 53-162, misurata ad una altezza, convenzionale e di buona pratica dendrometrica50, di 130 cm dal suolo;

Se non si rientra in nessuno di questi casi perchè bisogna per forza fare la pratica con relazione di un tecnico?
:l:

giraffa
08-11-2012, 08.13.28
Ulteriore aggiornamento, può essere utile per chi dovesse trovarsi in situazioni di straordinarietà o di stretta necessità.
Ho parlato con i VV.FF. Loro il rapporto di pericolosità lo fanno.