Torna indietro   Forum Macchine > Macchine Edili / Industriali > Macchine per il Sollevamento > Gru retrocabina e autocarrate

Forum Gru Retrocabina e Autocarrate
Rispondi
 
Strumenti Tipo di vista
  #61  
Vecchio 03-08-2012, 01.15.31
L'avatar di Gianni Palma
Gianni Palma Gianni Palma non è connesso
Web Master
 
Data registrazione: 22-09-2002
Residenza: Tivoli (RM)
Messaggi: 1,025
Visit Gianni Palma's Facebook
Predefinito

Segnalo ai lettori di questa discussione che abbiamo spostato i relativi ultimi 7 messaggi creando un nuovo argomento chiamato:
Digressione su discussione: Futuro dei costruttori di gru...

In questo argomento continueremo invece a discutere sul futuro dei costruttori italiani di gru per autocarro.
__________________
Gianni Palma
Rispondi citando
  #62  
Vecchio 29-08-2012, 19.42.42
Django Django non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 20-07-2012
Messaggi: 110
Predefinito

Agosto è già alle spalle, secondo Voi il mercato Italia delle gru cosa riserverà per fine anno ed il 2013? (io la vedo mooolto grigia ma non vorrei essere troppo pessimista)
Rispondi citando
  #63  
Vecchio 29-08-2012, 20.55.12
L'avatar di Nico-Terex
Nico-Terex Nico-Terex non è connesso
Moderatore area Edile
 
Data registrazione: 26-04-2005
Residenza: Basso Ferrarese
Messaggi: 7,195
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Django Visualizza messaggio
Agosto è già alle spalle, secondo Voi il mercato Italia delle gru cosa riserverà per fine anno ed il 2013? (io la vedo mooolto grigia ma non vorrei essere troppo pessimista)
Tu la vedi grigia e non vuoi essere pessimista, ed io che la vedo proprio nera che dovrei considerarmi, alla stregua di uno jettatore?
__________________
http://www.forum-macchine.it/showthread.php?t=63096
Rispondi citando
  #64  
Vecchio 04-09-2012, 01.33.18
fassigru fassigru non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 21-01-2006
Messaggi: 208
Visit fassigru's Facebook Visit fassigru's YouTube
Predefinito

daì Nico .. Tieni Botta .....tengo botta anche io ..Figurati..
Rispondi citando
  #65  
Vecchio 06-09-2012, 01.44.25
Microcranes Microcranes non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 27-05-2009
Residenza: ITALIA
Messaggi: 137
Predefinito previsioni fine 2012 e 2013 2014 2015 Italia

fine 2012 in italia il mercato rimane com'è , solo assistenze lavoro sull'usato , il nuovo è fermo

2013 prima metà ristagnante, seconda metà avvio grandi opere e cambiamento di rotta, predominante il lavoro sull'usato e di assistenza, nuovo sarà ancora fermo

2014 forse ricomincia a rimuoversi il mercato, forse.

per vedere qualcosa di nuovo bisognerà aspettare il 2016.

Se non ci becco , non ci becco di poco.
Rispondi citando
  #66  
Vecchio 07-09-2012, 11.28.23
Andy75 Andy75 non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 05-01-2008
Messaggi: 84
Predefinito

Probabilmente hai ragione , ma questo significa che nel giro di poco il 70% dei distributori chiuderanno o dovranno fare altro...
Rispondi citando
Sponsored Links
  #67  
Vecchio 08-09-2012, 09.26.25
Stefano5 Stefano5 non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 06-03-2010
Residenza: Bologna
Messaggi: 22
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Microcranes Visualizza messaggio
Se non ci becco , non ci becco di poco.
Sul fatto che il mercato del nuovo sia attualmente fermo, soprattutto in Europa, condivido le tue considerazioni.
Sulle previsioni a lungo termine invece non mi sbilancerei come hai fatto tu, in quanto credo che nessuno possa prevedere cosa succederà l'anno prossimo.
Ricordo che a Maggio dell'anno scorso ho stipulato un mutuo e lo volevo a tasso fisso perchè ero convinto i tassi sarebbero solo potuti crescere, in quanto venivamo da circa 2 anni di crescita anche se piccola.
Poi qualcuno mi ha fatto notare che negli ultimi decenni le crisi di mercato si sono succedute con frequenza sempre crescente, e sul lungo periodo non conviene più fare scommesse sulla stabilità dell'economia.
Mi sono fidato ed ho fatto bene!
Ora i segnali canonici per la ripresa dell'industria in Italia sono tutti fortemente negativi, checchè ne dica chi ci governa, per cui non vedo proprio come si possano fare previsioni di crescita future se non sperando nell'arrivo del Messia o nella caduta della manna dal cielo.
Diciamo che la speranza è l'ultima a morire, ma purtroppo per ora solo di speranza si tratta

Ultima modifica di Stefano5 : 08-09-2012 alle ore 14.01.15
Rispondi citando
  #68  
Vecchio 09-09-2012, 20.15.38
Microcranes Microcranes non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 27-05-2009
Residenza: ITALIA
Messaggi: 137
Predefinito per stefano

anch'io non ho la sfera di cristallo, ma sono 25 anni nel settore e ho per lavoro una visione mondiale della situazione. Il movimento che abbiamo visto sino alla fine del 2007 in italia ce lo possiamo dimenticate almeno per 10 anni, che io mi ricordo c'è stata la crisi del 1993 , la crisi del 2002, e adesso c'è questa inicziata nel 2007 che è di tipo micidiale perchè rispetto alle altre se sapevi che dovevi tenere botta 1 anno è da 5 anni che ce la tiriamo dietro e secondo mè durerà altri 5 : quella del '29 durò 10 anni e non c'erano gli strumenti che abbiamo ora, già il fatto che questa dura da 5 ci dovrebbe far pensare di che entità stiamo parlando. Nei prox 5 anni verranno (spero) assorbiti i titoli marci arrivati dall'america, si spera che in italia venga fatta fuori tutta questa classe politica di babbei e tornino persone serie a governarci, persone che pensino ad eliminare lo spreco pubblico e a ridurre il debito, facendo sgravi fiscali per chi assume i 50enni che sono a piedi e i 25enni che si affacciano al lavoro, e che tutti noi diventiamo un po' più umili pensando meno ai fronzoli e più alle cose necessarie, in più che ci sia più controllo di filiera perchè ora c'è chi guadagna troppo e chi troppo poco. Equità, Giustizia e buon senso civile è quello che voglio per fare ripartire questo paese....ma purtroppo siamo in italia.
Rispondi citando
  #69  
Vecchio 10-09-2012, 09.18.13
Stefano5 Stefano5 non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 06-03-2010
Residenza: Bologna
Messaggi: 22
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Microcranes Visualizza messaggio
Nei prox 5 anni verranno (spero) assorbiti i titoli marci arrivati dall'america, si spera che in italia venga fatta fuori tutta questa classe politica di babbei e tornino persone serie a governarci, persone che pensino ad eliminare lo spreco pubblico e a ridurre il debito
Tutti lo speriamo, ma sinceramente i presupposti non ci sono.
Ormai la nostra classe politica è diventata autoreferenziale e vive e prospera salassando le risorse buone di questo paese.
Ormai le persone che vivono e prosperano con la politica sono in numero maggiore di quelli che tirano il carretto senza nessun appoggio politico.
Finchè il sistema non collasserà, non credo proprio che questa classe politica decida autonomamente di tagliare il ramo su cui stanno agiatamente seduti.

Citazione:
Originalmente inviato da Microcranes Visualizza messaggio
che ci sia più controllo di filiera perchè ora c'è chi guadagna troppo e chi troppo poco. Equità, Giustizia e buon senso civile è quello che voglio per fare ripartire questo paese....ma purtroppo siamo in italia.
Io direi che il problema è che ci sono troppe persone che guadagnano senza produrre niente di buono per questo paese, e la spirale che si è innescata è che quei pochi che lavorano sono sempre più massacrati di costi e di tasse per mantenere gli agi ed i vizi di quelli che non lavorano, per cui i pochi stanno diventando come i panda, in via di estinzione.
Gli industriali sono ormai in fuga da questo paese, i miei figli pure.
Il brutto di questa situazione è che non c'è niente all'orizzonte che possa fare sperare in un'inversione di tendenza
E tu pensa che io sono sempre stato ottimista
Rispondi citando
  #70  
Vecchio 11-09-2012, 02.38.48
L'avatar di Nico-Terex
Nico-Terex Nico-Terex non è connesso
Moderatore area Edile
 
Data registrazione: 26-04-2005
Residenza: Basso Ferrarese
Messaggi: 7,195
Predefinito

A seguito di consultazione fra moderatori e amministratori abbiamo deciso di rimettere online gli ultimi due messaggi nonostante violino palesemente il regolamento. Vi prego di mantenervi sul vago politicamente, evitando di parlare esplicitamente di quello schieramento politico piuttosto che dell'altro.
__________________
http://www.forum-macchine.it/showthread.php?t=63096
Rispondi citando
  #71  
Vecchio 11-09-2012, 09.09.29
Stefano5 Stefano5 non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 06-03-2010
Residenza: Bologna
Messaggi: 22
Predefinito

Per quello che mi riguarda non c'è nessuna brama di parlare di politica, nella mia vita ho sempre fatto il tecnico e mi piacerebbe parlare anche in questo forum dei nuovi modelli di gru e dei progressi tecnologici del settore...ma la realtà è che ci stanno mandando a ramengo.
Io sono fermamente convinto che la realtà industriale e manifatturiera di questo paese sia sempre stato il motore della macchina Italia, ma chi ci comanda evidentemente non la vede come me.
Ho l'impressione che stiano continuando a spremere il motore ignari del fatto che la spia dell'olio segnali un bel rosso fisso.
Come certe signore inesperte di tecnica, si renderanno conto di cosa significava quella spia accesa solo quando il motore sarà totalmente fuso.
Purtroppo, aspettando tempi migliori se mai arriveranno, questi sono gli argomenti che ci sono rimasti.
Rispondi citando
  #72  
Vecchio 13-09-2012, 13.05.16
L'avatar di Gianni Palma
Gianni Palma Gianni Palma non è connesso
Web Master
 
Data registrazione: 22-09-2002
Residenza: Tivoli (RM)
Messaggi: 1,025
Visit Gianni Palma's Facebook
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Nico-Terex Visualizza messaggio
A seguito di consultazione fra moderatori e amministratori abbiamo deciso di rimettere online gli ultimi due messaggi nonostante violino palesemente il regolamento. Vi prego di mantenervi sul vago politicamente, evitando di parlare esplicitamente di quello schieramento politico piuttosto che dell'altro.
Oltre quanto detto da Nicola,
volevo fare un ulteriore precisazione circa il motivo per il quale abbiamo deciso di rimettere online i messaggi di carattere politico che violano palesamente il regolamento.
Spiegare la crisi delle imprese italiane senza parlare di responsabilità della politica significherebbe non parlarne per niente.
Tuttavia anche parlarne troppo genericamente non farebbe altro che trasformare questo argomento nel solito dibattito salotto/bar dove ci limiteremmo a dire i soliti luoghi comuni... sicuramente veri ma pur sempre luoghi comuni.
Una terza via sarebbe quella di indicare nello specifico quali sono le cause principali che fanno soffrire i costruttori di gru per autocarro in italia.
Esporre ciascuna causa e proporre la relativa cura.
Del resto questo a questo argomento partecipano molti utenti che possono dire la propria circa le problematiche che affrontano quotidianamente le loro imprese e quali cambiamenti vorrebbero vedere attuarsi.
In sintesi... oltre ad esporre i problemi credo sarebbe utile parlare anche delle possibili soluzioni per uscire da questa situazione.
__________________
Gianni Palma

Ultima modifica di Gianni Palma : 14-09-2012 alle ore 02.10.15
Rispondi citando
  #73  
Vecchio 14-09-2012, 19.48.46
Django Django non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 20-07-2012
Messaggi: 110
Predefinito

Dopo un po di tempo che languiva la discussione finalmente si è riaccesa.
Gianni, forse il problema non è quello di cosa possiamo fare e proporre noi.
Penso che i costruttori italiani abbiano capito che il mercato Italiano è un bel po maturo. C'è chi dice che non ha mai visto un anno in cui l'Italia è così poco ricettiva.
D'altronde se pensiamo che il mercato dell'edilizia residenziale è in profondo rosso e l'autotrasporto forse lo è ancora di più, l'ENEL sta appaltando a ditte estere che vengono con loro attrezzature, gli Enti statali o parastatali non hanno un euro da spendere (per fare un lavoro da 150 euro devono chiedere l'autorizzazione, il durc e chi più ne ha più ne metta) dove possiamo piazzare i nostri prodotti? Ci rendiamo conto che adesso per vendere in Italia stiamo cercando tutti la luna nel pozzo? Stefano5 ha ragione di dire che gli piacerebbe parlare di progresso tecnologico od argomenti attinenti, piacerebbe anche a me parlare dei superacciai weldox 1300 o 1500 e delle difficoltà che si incontrano per lavorarlo e sopratutto se sia utile spingersi così al limite. Microcranes ha ragione di esprimere il suo disappunto sulla politica che non sta facendo nulla per aiutare il settore. Il problema che credo sia evidente a questo punto è che chi lavora per l'estero forse riesce a sbarcare il lunario, chi lavora prevalentemente per il mercato Italia no. In queste condizioni diventa oggettivamente difficile pianificare investimenti sia perchè sono finiti i soldi (anche le banche stanno dando una mano per il suicidio delle aziende, così mettiamo dentro anche loro) sia perchè abbiamo tutti poca fiducia nel futuro. Forse è anche per questo che vediamo un sacco di "rivisitazioni" e "promozioni" di modelli già esistenti. Occorre che tutti quanti invece cerchiamo di darci una mossa, spero al Saie ci sia qualcuno che presenti delle vere novità e non dei travestimenti. Occorre che anche i costruttori italiani siano molto più presenti nelle commissioni tecniche UE e che smettiamo di farci mettere i piedi in testa da altri costruttori esteri di rilievo che sono già avanti anni luce rispetto ad alcuni dei nostri e che ci impongono di adeguarci ai regolamenti approvati dalla loro maggioranza . Questo è un discorso politico perchè alla fine se continuiamo a guardare solo nel nostro orticello facciamo la fine di quelle famose galline citate da Microcranes.
Uniti forse ce la si può fare
esistono le associazioni proprio per questo: i costruttori piccoli e grandi perchè non prendono in considerazione questa eventualità?
Rispondi citando
  #74  
Vecchio 14-09-2012, 21.06.43
L'avatar di pederz_
pederz_ pederz_ non è connesso
Membro Senior
 
Data registrazione: 05-06-2005
Residenza: nato a torino ma vivo a joinville, brasile
Messaggi: 473
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Django Visualizza messaggio
Dopo un po di tempo che languiva la discussione finalmente si è riaccesa.
Gianni, forse il problema non è quello di cosa possiamo fare e proporre noi.
Penso che i costruttori italiani abbiano capito che il mercato Italiano è un bel po maturo. C'è chi dice che non ha mai visto un anno in cui l'Italia è così poco ricettiva.
D'altronde se pensiamo che il mercato dell'edilizia residenziale è in profondo rosso e l'autotrasporto forse lo è ancora di più, l'ENEL sta appaltando a ditte estere che vengono con loro attrezzature, gli Enti statali o parastatali non hanno un euro da spendere (per fare un lavoro da 150 euro devono chiedere l'autorizzazione, il durc e chi più ne ha più ne metta) dove possiamo piazzare i nostri prodotti? Ci rendiamo conto che adesso per vendere in Italia stiamo cercando tutti la luna nel pozzo? Stefano5 ha ragione di dire che gli piacerebbe parlare di progresso tecnologico od argomenti attinenti, piacerebbe anche a me parlare dei superacciai weldox 1300 o 1500 e delle difficoltà che si incontrano per lavorarlo e sopratutto se sia utile spingersi così al limite. Microcranes ha ragione di esprimere il suo disappunto sulla politica che non sta facendo nulla per aiutare il settore. Il problema che credo sia evidente a questo punto è che chi lavora per l'estero forse riesce a sbarcare il lunario, chi lavora prevalentemente per il mercato Italia no. In queste condizioni diventa oggettivamente difficile pianificare investimenti sia perchè sono finiti i soldi (anche le banche stanno dando una mano per il suicidio delle aziende, così mettiamo dentro anche loro) sia perchè abbiamo tutti poca fiducia nel futuro. Forse è anche per questo che vediamo un sacco di "rivisitazioni" e "promozioni" di modelli già esistenti. Occorre che tutti quanti invece cerchiamo di darci una mossa, spero al Saie ci sia qualcuno che presenti delle vere novità e non dei travestimenti. Occorre che anche i costruttori italiani siano molto più presenti nelle commissioni tecniche UE e che smettiamo di farci mettere i piedi in testa da altri costruttori esteri di rilievo che sono già avanti anni luce rispetto ad alcuni dei nostri e che ci impongono di adeguarci ai regolamenti approvati dalla loro maggioranza . Questo è un discorso politico perchè alla fine se continuiamo a guardare solo nel nostro orticello facciamo la fine di quelle famose galline citate da Microcranes.
Uniti forse ce la si può fare
esistono le associazioni proprio per questo: i costruttori piccoli e grandi perchè non prendono in considerazione questa eventualità?
La crisi attuale, in Italia credo durerá ancora un pó e se non si taglia il ramo dei politici, tutti, perché nessuno dei partiti politici é virtuoso tanto che se spariscono decine di milioni di euro dalle loro casse, loro manco se ne accorgono, credo che il fallimento (o default) sia una eventualítá da prendere in considerazione.
Vivendo in Brasile (ma lavorando anche in asia e avendo contatti in africa) la possibilitá di salvezza la vedo solo nell'esportazione, piú che altro di tecnologia,( in quanto ormai i Clienti vogliono prodotti costruiti in loco),.
Qui in Brasile il mercato di gru da autocarro e autogrú sta facendo grandi numeri, visti i lavori in infrastrutture in corso, purtroppo ci hanno creduto, al brasile, quasi solo i cinesi, che si sono strutturati con importatori e con filiali dirette, soprattutto per il ramo autogru. Un tipo di gru che qui ancora non si vede é la piccola gru retrocabina, del tipo di quelle montate su dayli, qui non ne ho ancora viste, forse perché le gru retrocabina qui hanno un costo molto alto
Rispondi citando
  #75  
Vecchio 15-09-2012, 07.37.48
L'avatar di deggio
deggio deggio non è connesso
Moderadore area Sollevamento
 
Data registrazione: 28-01-2007
Residenza: Castelfranco Emilia
Messaggi: 1,393
Visit deggio's Facebook
Predefinito

Io parlo nel mio piccolo, come noleggiatore.
Siamo in un paese "piccolo", nel senso che ha poco spazio.
Le case e le strutture sono sempre più strette, piccole, le strade impraticabili, i passaggi risicati.
Allora gli ingegneri ed i pensatori italiani, che a mio avviso continuano ad essere i migliori al mondo, cosa fanno .... costruiscono e progettano gru mastodontiche che vanno su camion esagerati con prestazioni impressionanti.

Un po' di tempo fa ho aperto una sezione di questo forum per chiedere se era fattibile realizzare un patente B che come allestimento avesse solo una gru, cioè tutta la portata e lo spazio utili fossero utilizzati per tale allestimento.
In pratica mi è stato scritto che sono quasi un eretico, a causa delle portate ridotte, degli spazi .... ma bisognerebbe .... ma non si può ...
Ricordo che si stanno installando su pat. B piattaforme che portano carichi da 200 kg a 10-12 mt sul lato macchina.
Non sono un ingegnere o un progettista, ma mi sembra di notare che i nostri costruttori hanno un po' perso la voglia di fare; cioè, noi produciamo questo se ti va bene ok, altrimenti produciamo questo ugualmente.
Da un certo punto di vista li posso anche capire, forse la mia richiesta era veramente da matto, ma non credo di aver poi posto un quesito a cui non può esistere risposta applicabile.

Ora ne ho posto un'altro, dati i limiti di massa rimorchiabile in italia con pat. B, ho riciesto il massimo allestimento possibile su un rimorchio leggero (massa complessiva 750 Kg).
Può sembrare una richiesta da poco, ma un piccolo aritigiano potrebbe portarsela in cantiere a rimorchio ed avere il camion libero.
__________________
Più lavoro e meno ferie

Ultima modifica di deggio : 15-09-2012 alle ore 08.01.18 Motivo: aggiunta
Rispondi citando
  #76  
Vecchio 16-09-2012, 02.30.56
Django Django non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 20-07-2012
Messaggi: 110
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da deggio Visualizza messaggio
Io parlo nel mio piccolo, come noleggiatore.
Siamo in un paese "piccolo", nel senso che ha poco spazio.
Le case e le strutture sono sempre più strette, piccole, le strade impraticabili, i passaggi risicati.
Allora gli ingegneri ed i pensatori italiani, che a mio avviso continuano ad essere i migliori al mondo, cosa fanno .... costruiscono e progettano gru mastodontiche che vanno su camion esagerati con prestazioni impressionanti.

Un po' di tempo fa ho aperto una sezione di questo forum per chiedere se era fattibile realizzare un patente B che come allestimento avesse solo una gru, cioè tutta la portata e lo spazio utili fossero utilizzati per tale allestimento.
In pratica mi è stato scritto che sono quasi un eretico, a causa delle portate ridotte, degli spazi .... ma bisognerebbe .... ma non si può ...
Ricordo che si stanno installando su pat. B piattaforme che portano carichi da 200 kg a 10-12 mt sul lato macchina.
Non sono un ingegnere o un progettista, ma mi sembra di notare che i nostri costruttori hanno un po' perso la voglia di fare; cioè, noi produciamo questo se ti va bene ok, altrimenti produciamo questo ugualmente.
Da un certo punto di vista li posso anche capire, forse la mia richiesta era veramente da matto, ma non credo di aver poi posto un quesito a cui non può esistere risposta applicabile.

Ora ne ho posto un'altro, dati i limiti di massa rimorchiabile in italia con pat. B, ho riciesto il massimo allestimento possibile su un rimorchio leggero (massa complessiva 750 Kg).
Può sembrare una richiesta da poco, ma un piccolo aritigiano potrebbe portarsela in cantiere a rimorchio ed avere il camion libero.
Ti invito, poichè evidentemente nessuno è stato in grado di darti una risposta secondo me adeguata, a valutare che il solo autotelaio di un patente b pesa dai 1800 ai 2000 kg a seconda dei modelli. una 6 ton metro reale pesa minimo 900 kg, una traversa stabilizzatori posteriore pesa 150 kg, un controtelaio pesa circa 160 kg, un cassoncino striminzito pesa 80 kg/metro. A questo punto hai già la risposta del perchè non ha senso montare gru superiori alle 4-4,5 ton metro (con masssa quindi di 600/650 kg.su veicoli patente b, che hanno tutte sbracci intorno ai 9 metri con 350/400 kg. Sul discorso del rimorchio invece ci sono già alcune minigru cingolate che potrebbero essere interessanti ma che hanno un peso proprio spaventoso (circa 3000 kg) , almeno rispetto alle tue esigenze ma che non possono essere più leggere per garantire la stabilità (sempre a proposito del mio discorso che vendere in Italia è come cercare la luna nel pozzo). Ammesso che per quale alchimia sicuramente non tecnica si potesse fare una macchina del genere, secondo te quante se ne venderebbero? E sopratutto quanto costerebbe? (visto che sei un noleggiatore pensa a quanto costa un ragnetto da 14/17 metri)
(quant an vindammia? s'al costa?)
Invece per Pederz: mi risulta che non sia vero che solo i cinesi hanno creduto nel mercato brasiliano, mi risulta che anche qualche costruttore europeo abbia già aperto stabilimenti in Brasile. I cinesi hanno provato di importare prodotti finiti come le autogru ma si sono scontrati con i dazi. Ora stanno costruendo stabilimenti in loco ed importano i semilavorati. Questo non tanto perchè i brasiliani vogliano prodotti locali quanto perchè la politica protezionista brasiliana impone dazi doganali altissimi verso i prodotti importati che abbiano anche la produzione locale mentre sono molto più bassi per i prodotti che non siano disponibili da aziende locali. E' comunque un mercato in divenire di quelli considerati emergenti e tanti nostri costruttori penso stiano guardandolo con interesse. Come al solito siamo però indietro rispetto ad altri . L'unica cosa che ci potrebbe salvare è comunque la specificità dei prodotti di qualche costruttore rispetto alla concorrenza internazionale e qui mi riallaccio ancora al discorso di Deggio e lo invito a prendere visione delle gamme della concorrenza internazionale e confrontarle con le nostre (parlo non solo dei costruttori più grandi ma anche di qualche operatore di nicchia), forse troverà delle sorprese

Ultima modifica di Django : 16-09-2012 alle ore 02.55.47 Motivo: aggiunta
Rispondi citando
  #77  
Vecchio 17-09-2012, 07.55.00
L'avatar di deggio
deggio deggio non è connesso
Moderadore area Sollevamento
 
Data registrazione: 28-01-2007
Residenza: Castelfranco Emilia
Messaggi: 1,393
Visit deggio's Facebook
Predefinito

900+150+160= 1210 kg
Significa che ne restano almeno circa 300 di buono.
A cosa servirebbe? ad esempio per lavorare nei centri densamente abitati dove i camion non passano o non possono circolare.
Quante se ne venderebbero? perchè di gru apocalittiche quante se ne vendono?
Chi le comprerebbe? forse nessuno, forse in tanti, ma al momento nessuno si impegna nemmeno a pensarle.

Le mini gru cingolate ci sono già da circa 1000 kg: vuoi mettere la comodità di una gruetta su romorchio per tutti gli artigiani o piccole aziende che lavorano in cantiere.
Non necessità di un secondo mezzo di trasporto, andrebbe bene per lo scarico di alcuni mezzi, per il posizionamento di travi, pozzetti e cordoli, smontaggio parti meccaniche in cantiere, e rimarrebbe la massima portata utile dell'altro mezzo.
__________________
Più lavoro e meno ferie
Rispondi citando
  #78  
Vecchio 17-09-2012, 09.16.13
Stefano5 Stefano5 non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 06-03-2010
Residenza: Bologna
Messaggi: 22
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da deggio Visualizza messaggio
900+150+160= 1210 kg
Significa che ne restano almeno circa 300 di buono.
Manca il peso del motore per azionare la pompa.
Senza considerare che la traversa stabilizzatori andrebbe rivista pesantemente, in quanto l'originale è dimensionata per fare il paio con il peso del camion, in pratica sarebbe un progetto quasi completamente dedicato.
Sulla questione commerciale ti posso dire, per esperienza vissuta, che i titolari preferiscono vendere (e quindi investire in progettazione) una gru molto grossa piuttosto che 50 molto piccole.
Il settore delle grù ha questa atipicità rispetto agli altri comparti industriali della meccanica che conosco, mentre per gli altri l'importante è il fatturato, nelle grù è più importante il margine di guadagno.
Anche oggi che in Italia si vendono solo delle piccole, i costruttori preferiscono dedicare l'ufficio tecnico ad un progetto di una gru grande da vendere in Brasile, piuttosto che a quello di una nuova piccolina per il mercato interno.
Rispondi citando
  #79  
Vecchio 17-09-2012, 10.34.25
L'avatar di deggio
deggio deggio non è connesso
Moderadore area Sollevamento
 
Data registrazione: 28-01-2007
Residenza: Castelfranco Emilia
Messaggi: 1,393
Visit deggio's Facebook
Predefinito

Ok, lo posso anche comprendere, per non lamentarsi poi che in Italia non si vende.
Se il mercato richiede, per esigenze tecniche, delle macchine piccole, è inutile continuare a farle grandi.
Se le fai grandi significa che il mercato ti interessa poco, e quindi se è in crisi non è un problema.

Per quanto riguarda i 300 kg di margine, il tutto si riferisce ad una gru montata su camion, per il carrello appemdice il trattato è un'altro
__________________
Più lavoro e meno ferie
Rispondi citando
  #80  
Vecchio 17-09-2012, 11.07.10
Django Django non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 20-07-2012
Messaggi: 110
Predefinito

Scusa se insisto sui pesi, Deggio
non hai considerato affatto il peso del cassone e del passeggero e così sono finiti i canditi. E' penso sufficientemente chiaro che ho estremizzato al ribasso i pesi dell'attrezzatura. Considera pio che una piccola impresa edile porta sempre qualcosa in cantiere con il camioncino. Non ridere ma talvolta vogliono portare non solo un pacco di forati ma anche un mezzo pallet di cemento, oltre magari anche un po di sabbia e tutto questo su un patente B. Se veramente i Viglili o la Polizia li mette in pesa dovrebbe arrestarne almeno l'80%. A quali macchine di sollevamento ti riferisci con peso di 1000 kg.?, cosa sbracciano e cosa sollevano?

Ultima modifica di Django : 17-09-2012 alle ore 11.09.52 Motivo: aggiunta
Rispondi citando
  #81  
Vecchio 17-09-2012, 11.38.00
L'avatar di deggio
deggio deggio non è connesso
Moderadore area Sollevamento
 
Data registrazione: 28-01-2007
Residenza: Castelfranco Emilia
Messaggi: 1,393
Visit deggio's Facebook
Predefinito

http://www.kegiom.com/minigru-200-e3-spider%20ita.html
Per la mini gru.
Nessun cassone sulla macchina, tipo PLE, portata residua 0 Kg
Macchina + che altro per i noleggiatori ed i gruisti.
Non ho mai scritto che deve essere un prodotto di punta, tutti fanno i mezzi speciali.
Il punto non è a chi serve, se si parte così non si fa nulla finchè non te lo chiedono in 1000.
Una volta i lavori si cercavano, adesso si aspetta che arrivino.
Presentare un prodotto nuovo o innovativo non dovrebbe essere legato ad una richiesta.
Nel settore automobili fanno le concept, poi a seconda del gradimento ne studiano la fattibilità.
__________________
Più lavoro e meno ferie
Rispondi citando
  #82  
Vecchio 17-09-2012, 12.29.49
Stefano5 Stefano5 non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 06-03-2010
Residenza: Bologna
Messaggi: 22
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da deggio Visualizza messaggio
Se il mercato richiede, per esigenze tecniche, delle macchine piccole, è inutile continuare a farle grandi.
Se le fai grandi significa che il mercato ti interessa poco, e quindi se è in crisi non è un problema.
Le risorse di progettazione vengono dedicate ai prodotti che ti danno più margine.
Se oggi il mercato internazionale ti richiede gru grandi speciali, stai sicuro che i produttori di gru non staranno a dedicare risorse per un prodotto senza margini solo perchè va sul mercato interno.
I nazionalismi sono solo ipocrisie di chi non deve metterci del suo (non mi riferisco a te).
Rispondi citando
  #83  
Vecchio 17-09-2012, 20.39.50
Django Django non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 20-07-2012
Messaggi: 110
Predefinito Per Deggio

"Presentare un prodotto nuovo o innovativo non dovrebbe essere legato ad una richiesta."

Ho capito quali macchine intendi:
queste sono delle gru normali (nella fattispecie Maxilift, ma si possono montare, adattandole, di altre marche) applicate su carro cingolato
possono essere monobraccio, con due bracci articolati o con jib
il peso però varia molto, a seconda delle prestazioni, e qui viene il problema del rimorchio leggero. Ho visto al SAIE anni fa un rimorchietto fatto appositamente per il trasporto dei ragnetti ma secondo me non era configurabile tra i rimorchi leggeri.
Per raggiungere ai 200 kg. a 12 metri in orizzontale occorre ritornare al peso che ti avevo indicato.
Non ho idea del costo, c'è qualcuno che ha idea dei prezzi?
A proposito di numeri e degli studi dei costruttori, secondo voi quante se ne possono vendere di queste? Lo sforzo progettuale mi sembra notevole...... mah
http://www.ditzj.de/html/en/knuckle/dsb3000it.html

Ultima modifica di Django : 17-09-2012 alle ore 20.45.15 Motivo: modificato link
Rispondi citando
  #84  
Vecchio 18-09-2012, 07.31.36
L'avatar di deggio
deggio deggio non è connesso
Moderadore area Sollevamento
 
Data registrazione: 28-01-2007
Residenza: Castelfranco Emilia
Messaggi: 1,393
Visit deggio's Facebook
Predefinito

Sforzo progettuale?
Quindi mettere una piattaforma porta operatore, da 13 mt, su di un nissan, senza stabilizzatori cos'è?
La nuova apertura delle acque?
Non so esattamente come si possa svolgere una progettazione di una gru, ma secondo me date le basi e le conoscenze ad oggi disponibili la si progetterebbe, o se ne potrebbe verificare la fattibilità, in un paio di giorni.
__________________
Più lavoro e meno ferie
Rispondi citando
  #85  
Vecchio 18-09-2012, 07.34.58
Stefano5 Stefano5 non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 06-03-2010
Residenza: Bologna
Messaggi: 22
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Django Visualizza messaggio
A proposito di numeri e degli studi dei costruttori, secondo voi quante se ne possono vendere di queste? Lo sforzo progettuale mi sembra notevole...... mah
http://www.ditzj.de/html/en/knuckle/dsb3000it.html
Ehh ehh, questo tipo di gru viene sempre costruito su una specifica richiesta, e ti garantisco che nel prezzo di vendita di un solo esemplare ci stanno dentro anche i costi di progettazione
Rispondi citando
  #86  
Vecchio 18-09-2012, 10.56.43
Django Django non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 20-07-2012
Messaggi: 110
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da deggio Visualizza messaggio
Sforzo progettuale?
Quindi mettere una piattaforma porta operatore, da 13 mt, su di un nissan, senza stabilizzatori cos'è?
La nuova apertura delle acque?
Non so esattamente come si possa svolgere una progettazione di una gru, ma secondo me date le basi e le conoscenze ad oggi disponibili la si progetterebbe, o se ne potrebbe verificare la fattibilità, in un paio di giorni.
guarda che mi riferivo al link, forse non l'hai visto
ciao
Rispondi citando
  #87  
Vecchio 18-09-2012, 11.13.19
Django Django non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 20-07-2012
Messaggi: 110
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Stefano5 Visualizza messaggio
Ehh ehh, questo tipo di gru viene sempre costruito su una specifica richiesta, e ti garantisco che nel prezzo di vendita di un solo esemplare ci stanno dentro anche i costi di progettazione
non avevo alcun dubbio, il mio mah è solo relativo ai numeri, anche se so che il mercato gru nel settore ferroviario è in continua espansione, tanto che un noto costruttore ha una linea appositamente dedicata. Questo comunque mi porta sempre più a pensare, e qui torno all'oggetto del forum, che l'associazione di costruttori con target di prodotto diversi potrebbe risultare vantaggioso per tutti.
Rispondi citando
  #88  
Vecchio 18-09-2012, 14.26.47
L'avatar di pederz_
pederz_ pederz_ non è connesso
Membro Senior
 
Data registrazione: 05-06-2005
Residenza: nato a torino ma vivo a joinville, brasile
Messaggi: 473
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Django
Invece per Pederz: mi risulta che non sia vero che solo i cinesi hanno creduto nel mercato brasiliano, mi risulta che anche qualche costruttore europeo abbia già aperto stabilimenti in Brasile. I cinesi hanno provato di importare prodotti finiti come le autogru ma si sono scontrati con i dazi. Ora stanno costruendo stabilimenti in loco ed importano i semilavorati. Questo non tanto perchè i brasiliani vogliano prodotti locali quanto perchè la politica protezionista brasiliana impone dazi doganali altissimi verso i prodotti importati che abbiano anche la produzione locale mentre sono molto più bassi per i prodotti che non siano disponibili da aziende locali. E' comunque un mercato in divenire di quelli considerati emergenti e tanti nostri costruttori penso stiano guardandolo con interesse. Come al solito siamo però indietro rispetto ad altri . L'unica cosa che ci potrebbe salvare è comunque la specificità dei prodotti di qualche costruttore rispetto alla concorrenza internazionale e qui mi riallaccio ancora al discorso di Deggio e lo invito a prendere visione delle gamme della concorrenza internazionale e confrontarle con le nostre (parlo non solo dei costruttori più grandi ma anche di qualche operatore di nicchia), forse troverà delle sorprese
Le marche straniere 'storiche' che io conosco, in brasile, sono luna , spagnola e madal palfinger, che d anni operano e costruiscono (o montano) qui.
Oggi sto vedendo , viaggiando , aree di vendita diretta di xcmg, sato, e altri "orientali", é vero che i dazi sono una bella spinta a produrre qui, ma una cosa che in europa sottovalutano é che i costi di produzione brasiliani non sono piú quelli di 15 anni fa, sono paragonabili a quelli europei e in alcuni casi piú alti.
Ditte come Locar (che ha comprato in una botta sola oltre 150 gru xcmg) stanno spingendo ad avere una presenza in loco del costruttore per garantire la produttivitá dell'investimento, una gru carrata xcmg fino ad alcuni anni fa (quando mi occupavo di piú di grandi montaggi industriali) a paritá di tonnellaggio costava quasi la metá di una madal..... non paliamo di una demag.... e il suo lavoro lo svolge egregiamente.
Gli Italiani, che erano tra i principali partner commerciali del brasile, al moento dell'insediamento di Lula, non hanno creduto molto in questo mercato, lasciando ampi spazi agli altri stranieri, il risultato é che oggi un pó in tutti i settori sono fortemente presenti gli orientali e i tedeschi, gli italiani molto meno di 20 anni fa.
E tutta una serie di prodotti (ad esempio nel ramo gru retrocabina medie e piccole) qui non si vedono, o si vedono gru fortemente artigianali, tutte le gru retrocabina ricordano molto le palfinger e normalmente sono medio-grandi

Ultima modifica di cepy75 : 18-09-2012 alle ore 15.40.38 Motivo: Sistemato citazione
Rispondi citando
  #89  
Vecchio 18-09-2012, 20.18.29
Django Django non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 20-07-2012
Messaggi: 110
Predefinito

Mi sembra di capire quindi che più di un costruttore europeo sia presente con propri stabilimenti; relativamente alle gru retrocabina in effetti mi dicono che il mercato sia un po indietro come tecnologia ed era a quello che mi riferivo con alcune nostre specificità (ad esempio con gru a braccio "corto o lungo-corto o jib). Ti risulta invece che in grandi centri come Rio si stia sviluppando un mercato per patente B o camioncini piccoli?
Rispondi citando
  #90  
Vecchio 18-09-2012, 21.06.36
L'avatar di pederz_
pederz_ pederz_ non è connesso
Membro Senior
 
Data registrazione: 05-06-2005
Residenza: nato a torino ma vivo a joinville, brasile
Messaggi: 473
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Django Visualizza messaggio
Mi sembra di capire quindi che più di un costruttore europeo sia presente con propri stabilimenti; relativamente alle gru retrocabina in effetti mi dicono che il mercato sia un po indietro come tecnologia ed era a quello che mi riferivo con alcune nostre specificità (ad esempio con gru a braccio "corto o lungo-corto o jib). Ti risulta invece che in grandi centri come Rio si stia sviluppando un mercato per patente B o camioncini piccoli?
Qui il camioncino con patente b praticamente non esiste, non parliamo di ribaltabili, i piú piccoli ribaltabili sono gli 1113 mercedes, il camion usato generalmente per le consegne é il mercedes 608 oppure pickup f1000 a f4000, tutti a cassone fisso, bisognerebbe crederci, portare questi prodotti, darli in prova a ditte edili e venditori di materiale per costruzione, e secondo me, il mercto comincia a essere pronto, il costo della mano d'opera aumenta e nel settore delle costruzioni scarseggia pure, e non solo a rio, ma anche curitiba, porto alegre, ecc.
Bisognerebbe riuscire a contenere i prezzi e fare una politica di mercato, (a mio avviso, e ci tengo a precisare che non sono nel settore, lo vedo da semplice fruitore dei servizi) comunque in un paese dove ci sono aziende che staccano ordini di centinaia di gru da 60 a 300 tonnellate in un colpo solo, mi verrebbe voglia di provare a presentare un prodotto che ancora sul mercato non esiste...... ma bisogna crederci e portare il prodotto qui, i brasiliani sono diffidenti, lo dico per esperienza personale, o il prodotto ce l'hai qui, lo toccano, lo provano, lo vedono o é difficilissimo vendere.
Ma sono sicuro giá in breve stia cambiando la musica, ho visto giá che hunday sta presentando un camioncino da 3,5 tonnellate, cosí come alcuni cinesi, e da qui a vedere un allestimento trilaterale e una gruetta, sono certo che non passerá molto tempo
Rispondi citando
Rispondi


Utenti attualmente attivi che stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 visitatori)
 
Strumenti
Tipo di vista

Regole di scrittura
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
costruttori Gru edili mircofole Gru a Torre 6 07-09-2006 19.48.39


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 08.57.39.


Powered by vBulletin versione 3.8.7
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana : www.vBulletin.it
MMT Italia
MMT Italia è il primo portale italiano del settore
macchine movimento terra, industriali e agricole.
MMT Italia Srl
Via Lago di Lesi, 14 - 00019 Tivoli (RM)
Email: info@mmtitalia.it - P.IVA 11591861007
Informazioni su MMT Italia