Torna indietro   Forum Macchine > Lavori Agricoli e Forestali > Leggi e Normative Agricole > PAC, Sviluppo Rurale & O.C.M.

PAC, Sviluppo Rurale & OCM
In questa area del forum vengono trattati la Politica Agricola Comune (PAC), le organizzazioni comuni di mercati (OCM), e Le politice di Sviluppo Rurale. Se non riesci a trovare l’argomento specifico e/o non sai dove inserire il tuo messaggio, utilizza la sezione Altre Richieste e/o Informazioni e lo Staff ti indicherà la discussione che fa per te.
Rispondi
 
Strumenti Tipo di vista
  #61  
Vecchio 31-03-2009, 21.55.52
grillo131 grillo131 non è connesso
Membro Senior
 
Data registrazione: 23-12-2007
Messaggi: 314
Predefinito

Per quanto riguarda le quote, è vero, ho sentito parlare anche io di un annullamento di esse( ma sono informazioni non certe!!!e non sicure).
Comunque, verso settembre 2008quando mi informai io dalla cldiretti mi parlarono di 0,40-0,50 euro al metro quadrato( 4000-5000euro/ha)

Ultima modifica di Potionkhinson : 01-04-2009 alle ore 13.48.19 Motivo: post "diviso & spostato" per argomenti.
Rispondi citando
  #62  
Vecchio 31-03-2009, 21.55.53
pjmont pjmont non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 11-09-2008
Messaggi: 34
Predefinito

ho letto che per 1000mq non c'e' bisogno di quote, invece vi chiedo se impianto 2h di vigneto non destinato alla vendita ma solo al consumo e al diletto personale c'e' sempre bisogno di queste quote? se si e lo faccio lo stesso che succede ci sono multe?

leggendo sul sito della regione Abruzzo sembrerebbe che i vigneti abusivi impiantati dopo il 1998 devono essere o distrutti oppure indirizzati verso la distillazione. Insomma mi pare di aver capito che se vendo le uve a qualche distillatore per farci la grappa ad esempio non incorrerei in sanzioni! possibile? a questo punto il problema e' relativo alla commercializzazione del prodotto, cioe' se io impianto 2h di vigneto e le uve le getto via potrei anche non incorrere in sanzioni... ma' ...mi sa che domani vado alla cia!

Ultima modifica di Potionkhinson : 01-04-2009 alle ore 13.51.31 Motivo: unione thread.
Rispondi citando
  #63  
Vecchio 01-04-2009, 08.24.28
L'avatar di LorenzVigna
LorenzVigna LorenzVigna non è connesso
Moderatore Viticoltura
 
Data registrazione: 09-07-2005
Residenza: Reggio Emilia
Messaggi: 972
Visit LorenzVigna's Facebook
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da pjmont Visualizza messaggio
ho letto che per 1000mq non c'e' bisogno di quote, invece vi chiedo se impianto 2h di vigneto non destinato alla vendita ma solo al consumo e al diletto personale c'e' sempre bisogno di queste quote? se si e lo faccio lo stesso che succede ci sono multe?
Certo! Te lo fanno ESTIRPARE!!!
E con le foto aree lo vedono, ovviamente.
Se vuoi farne 2 ha, devi acquistare le quote.
Citazione:
Originalmente inviato da pjmont Visualizza messaggio
Insomma mi pare di aver capito che se vendo le uve a qualche distillatore per farci la grappa ad esempio non incorrerei in sanzioni! possibile?
No, non hai capito.
Premesso che a un produttore di grappa delle tue uve non gliene frega nulla, ma gli importano solo le vinacce dopo la pigiatura (quindi perché ti dovrebbe pagare l'uva quando a lui serve solo il sottoprodotto???). La distillazione che intende la normativa è cosa ben diversa: dal vino si estrae l'alcool etilico producendo alcool in purezza.La distillazione è l'eliminazione dal mercato di una determinata quantità di prodotto.
Te la fanno sì distillare l'uva, ma è una distillazione FORZATA. Credi che l'uva sia valorizzata economicamente come per produrre vino????
Le quote, salvo modifiche, saranno abolite in toto dal 2014.
Saluti,

Lorenzo

Ultima modifica di Potionkhinson : 01-04-2009 alle ore 13.52.15 Motivo: unione thread.
Rispondi citando
  #64  
Vecchio 01-04-2009, 12.25.08
pjmont pjmont non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 11-09-2008
Messaggi: 34
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da LorenzVigna Visualizza messaggio
No, non hai capito.
Premesso che a un produttore di grappa delle tue uve non gliene frega nulla, ma gli importano solo le vinacce dopo la pigiatura (quindi perché ti dovrebbe pagare l'uva quando a lui serve solo il sottoprodotto???). La distillazione che intende la normativa è cosa ben diversa: dal vino si estrae l'alcool etilico producendo alcool in purezza.La distillazione è l'eliminazione dal mercato di una determinata quantità di prodotto.
Te la fanno sì distillare l'uva, ma è una distillazione FORZATA. Credi che l'uva sia valorizzata economicamente come per produrre vino????
Le quote, salvo modifiche, saranno abolite in toto dal 2014.
Saluti,


Lorenzo
ho capito, ma scusa perche' allora pagare per le quote se verranno abolite? non mi conviene impiantare il vigneto, nel frattempo distillare le uve, e dal 2014 regolarizzarlo? cosi' non dovrei incorrere in sanzioni.

Pierlugi
Rispondi citando
  #65  
Vecchio 01-04-2009, 13.08.16
L'avatar di LorenzVigna
LorenzVigna LorenzVigna non è connesso
Moderatore Viticoltura
 
Data registrazione: 09-07-2005
Residenza: Reggio Emilia
Messaggi: 972
Visit LorenzVigna's Facebook
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da pjmont Visualizza messaggio
ho capito, ma scusa perche' allora pagare per le quote se verranno abolite? non mi conviene impiantare il vigneto, nel frattempo distillare le uve, e dal 2014 regolarizzarlo? cosi' non dovrei incorrere in sanzioni.

Pierlugi
Se lo impianti ora è un vigneto ABUSIVO e pertanto soggetto ad estirpazione coatta. E, tranquillo, LI FANNO ESTIRPARE. E' già successo, è già stato visto: è una di quelle cose che non sono state fatte "all'italiana". Ergo, non "regolarizzeresti" proprio un bel niente. E' come dire "vado ai 200 all'ora perché tanto fra un po' alzano i limiti di velocità". Però finché non lo alzano paghi la multa e ti tolgono la patente.
Sul perché comprare le quote ora... beh, intanto puoi leggere un po' di messaggi vecchi dove trovi un po' di risposte.
Principalmente perché un'azienda non può aspettare 5 anni per pianificare un ampliamento e se speri di impiantare dal nulla nel 2015 un'azienda viticola, tanti auguri! Fossi in te comincerei da ora a giocare al SuperEnalotto.
Due ettari di vigneto costano circa 30.000 euro (per fare le cose bene). Mettici in più le attrezzature che servono per gestirli e mantenere i costi di produzione bassi...
Capisci da solo che non è così semplice come sembra, no?

Lorenzo
Rispondi citando
  #66  
Vecchio 01-04-2009, 13.24.16
L'avatar di Alle
Alle Alle non è connesso
Moderatore Area Agricola
 
Data registrazione: 16-08-2004
Residenza: Maranello 44°30'28.85 N 10°53'41.82 E
Messaggi: 1,256
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da pjmont Visualizza messaggio
ho capito, ma scusa perche' allora pagare per le quote se verranno abolite? non mi conviene impiantare il vigneto, nel frattempo distillare le uve, e dal 2014 regolarizzarlo? cosi' non dovrei incorrere in sanzioni.

Pierlugi
Precisiamo che il 2014 è una data che ha dato la CE però ogni stato interpreta a modo suo il regolamento e in Italia si è già parlato del 2016 cmunque per sapenre di più c'è l'apposita discussione sull'OCM VINO .
Per il resto come ha già detto Lorenzo fino a 1000 mq non serve la quota, previa comunicazione obbligatoria d'impianto alla provincia d'appartenenza, da 1001 mq in poi serve obbligatoriamente la quota. Sanzioni se mi ricordo bene oltre all'abbattimento da parte della provincia (a spese dell'agricoltore) chredo vi sia anche un'ammenda.
__________________
Tosi Alessandro
Rispondi citando
Sponsored Links
  #67  
Vecchio 02-04-2009, 22.05.14
tocia tocia non è connesso
Utente Cancellato
 
Data registrazione: 21-02-2008
Residenza: rumagnòl
Messaggi: 901
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da LorenzVigna Visualizza messaggio
Principalmente perché un'azienda non può aspettare 5 anni per pianificare un ampliamento e se speri di impiantare dal nulla nel 2015 un'azienda viticola, tanti auguri! Fossi in te comincerei da ora a giocare al SuperEnalotto.


Lorenzo
Scusa tanto Lorenzo , è da tanto che ti sento dire questa frase.
secondo tè dal 2015 in avanti nessuno può diventare viticultore?
penso sia più facile non essendovi più le quote!
pensi che nessuno abbia gli euri per acquistare pali fili piante ecc. ecc...Io stò aspettando questa data!!
Non voglio far polemica(non dar retta alle scritte sul mio curriculum, è un abbaglio) ma solo capire il tuo ragionamento
salùt
Rispondi citando
  #68  
Vecchio 03-04-2009, 12.07.04
L'avatar di LorenzVigna
LorenzVigna LorenzVigna non è connesso
Moderatore Viticoltura
 
Data registrazione: 09-07-2005
Residenza: Reggio Emilia
Messaggi: 972
Visit LorenzVigna's Facebook
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da tocia Visualizza messaggio
Scusa tanto Lorenzo , è da tanto che ti sento dire questa frase.
secondo tè dal 2015 in avanti nessuno può diventare viticultore?
penso sia più facile non essendovi più le quote!
pensi che nessuno abbia gli euri per acquistare pali fili piante ecc. ecc...Io stò aspettando questa data!!
Non voglio far polemica(non dar retta alle scritte sul mio curriculum, è un abbaglio) ma solo capire il tuo ragionamento
salùt
Credi davvero che attualmente il costo di impianto di un vigneto sia "gravato" dal costo delle quote!?!??!?
Ovvio che chiunque può: ma allora perché aspetta il 2015? Perché così risparmia i soldi delle quote? Mah... come se quello fosse il problema nell'iniziare una produzione di uva!

Lorenzo
Rispondi citando
  #69  
Vecchio 03-04-2009, 21.58.28
tocia tocia non è connesso
Utente Cancellato
 
Data registrazione: 21-02-2008
Residenza: rumagnòl
Messaggi: 901
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da LorenzVigna Visualizza messaggio
Ovvio che chiunque può: ma allora perché aspetta il 2015? Perché così risparmia i soldi delle quote? Mah... come se quello fosse il problema nell'iniziare una produzione di uva!

Lorenzo
Vedo che hai cambiato idea, allora uno qualsiasi può !!
intanto si risparmia quei soldi e nel terreno ci può far qualcos'altro,
mica solo la vigna fà reddito
Ciao Vigna
Rispondi citando
  #70  
Vecchio 04-04-2009, 11.46.27
L'avatar di LorenzVigna
LorenzVigna LorenzVigna non è connesso
Moderatore Viticoltura
 
Data registrazione: 09-07-2005
Residenza: Reggio Emilia
Messaggi: 972
Visit LorenzVigna's Facebook
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da tocia Visualizza messaggio
Vedo che hai cambiato idea, allora uno qualsiasi può !!
intanto si risparmia quei soldi e nel terreno ci può far qualcos'altro,
mica solo la vigna fà reddito
Ciao Vigna
Non ho MAI detto che uno non può.... semplicemente, trovo il tuo "programma" semplicemente folle e suicida dal punto di vista economico. Dico che uno può benissimo, e ribadisco che però non ha alcun senso attendere per sperare di fare il colpaccio.
Nel 2015 io avrò un vigneto di 19 ettari circa, interamente meccanizzato, interamente in produzione, con attrezzature e macchinari ammortizzati per affrontare il mercato con costi di produzione bassi. Uno che nel 2015 si affaccia al medesimo mercato mi farà paura o concorrenza?
Non consideri minimamente che il "risparmiare quei soldi" in realtà è un rimandare un problema. Non è un risparmio per nulla. A meno che tu ritenga che la programmazione di medio-lungo periodo in un'azienda agricola del XXI secolo non sia importante, ovviamente. E allora, se pensi questo, il ragionamento è già chiuso perché non parliamo più di aziende che possono sopravvivere a lungo.
Davvero credi che quei 4.000-4.500 euro per ettaro di costo attuale delle quote incidano così clamorosamente su un bilancio di un'azienda attuale? Se vuoi posso farti vedere i miei conti...
Se vogliamo parlare di economia bisogna che cerchiamo di smetterla con questo gridare al presunto "scandalo dell'abolizione quote"!
Questo vale anche per il latte: dici che nel 2015 uno si getta a capofitto facendo stalle, acquistando bestiame, impegolandosi in benessere degli animali, igiene degli alimenti, normativa nitrati.... ? Può turbare costui chi conosce queste cose già da anni e si è già attrezzato?
Qualsiasi economista ti dirà che rimandare un investimento necessario è un accelerare la fine di un'azienda.

Lorenzo
Rispondi citando
  #71  
Vecchio 04-04-2009, 12.24.49
tocia tocia non è connesso
Utente Cancellato
 
Data registrazione: 21-02-2008
Residenza: rumagnòl
Messaggi: 901
Predefinito

X LORENZO V.
toglimi un dubbio: se uno compera le quote a chi si deve rivolgere? come si quantifica il prezzo?
Fammi capire per favore...
ciao
Rispondi citando
  #72  
Vecchio 04-04-2009, 13.08.42
L'avatar di Alle
Alle Alle non è connesso
Moderatore Area Agricola
 
Data registrazione: 16-08-2004
Residenza: Maranello 44°30'28.85 N 10°53'41.82 E
Messaggi: 1,256
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da tocia Visualizza messaggio
intanto si risparmia quei soldi e nel terreno ci può far qualcos'altro,
mica solo la vigna fà reddito
Sarei curioso di sapere quali sono le colture alternative che danno reddito.............
__________________
Tosi Alessandro
Rispondi citando
  #73  
Vecchio 04-04-2009, 14.05.43
tocia tocia non è connesso
Utente Cancellato
 
Data registrazione: 21-02-2008
Residenza: rumagnòl
Messaggi: 901
Predefinito

nel mio caso sò di pere mele kiwi pesche nettarine susine jap e europee tanto per rimanere su frutticole .queste non sono eterne e a turno vengon sostituite da altre .
Quindi decadute le quote si potrebbe fare vigna senza spendere
è normale che tutti non la pensiamo uguale, l'importante è rispettare e capire l'idea altrui , non deriderla velatamente.
Rispondi citando
  #74  
Vecchio 04-04-2009, 20.12.17
L'avatar di Alle
Alle Alle non è connesso
Moderatore Area Agricola
 
Data registrazione: 16-08-2004
Residenza: Maranello 44°30'28.85 N 10°53'41.82 E
Messaggi: 1,256
Predefinito

Scusa Tocia ma il tuo discorso è senza senso, lui ha quella terra libera e vuole aspettare il 2015 per fare la vigna, cosa fà pianta un frutteto e fra 5 anni lo toglie per fare la vigna??
__________________
Tosi Alessandro
Rispondi citando
  #75  
Vecchio 04-04-2009, 22.23.37
tocia tocia non è connesso
Utente Cancellato
 
Data registrazione: 21-02-2008
Residenza: rumagnòl
Messaggi: 901
Predefinito

lui chi?---------------------------
Rispondi citando
  #76  
Vecchio 05-04-2009, 09.43.17
L'avatar di LorenzVigna
LorenzVigna LorenzVigna non è connesso
Moderatore Viticoltura
 
Data registrazione: 09-07-2005
Residenza: Reggio Emilia
Messaggi: 972
Visit LorenzVigna's Facebook
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da tocia Visualizza messaggio
nel mio caso sò di pere mele kiwi pesche nettarine susine jap e europee tanto per rimanere su frutticole .queste non sono eterne e a turno vengon sostituite da altre .
Quindi decadute le quote si potrebbe fare vigna senza spendere
è normale che tutti non la pensiamo uguale, l'importante è rispettare e capire l'idea altrui , non deriderla velatamente.
Certo, come no? Mettiamo un bel frutteto, lo teniamo 15 anni, ci attrezziamo con carri da potatura frutta, attrezzature per frutteto (atomizzatori), macchinari da frutteto, spendiamo e spandiamo....
Poi tolgo il frutteto e metto vigneto: ricomincio a spendere in cimatrici, potatrici, legatrici, vendemmiatrici, spollonatrici.....
E' un programma sensato?
A meno che, ovviamente, non si intenda fare le cose con tanta bella manodopera e un Same Falcon.... e allora, di nuovo, parliamo di aziende che non danno reddito.

Lorenzo

P.S.= le quote sono sul mercato: il valore attuale è 0.40-0.50 cent al mq, dipende dalla resa, se è irriguo o no, ecc. C'è una trafila burocratica da fare per acquistarle, ma tutto è possibile e ti saranno d'aiuto alla tua associazione o direttamente all'Ufficio Vigneti dell'Assessorato Agricoltura della tua Provincia.
Rispondi citando
  #77  
Vecchio 05-04-2009, 11.08.48
tocia tocia non è connesso
Utente Cancellato
 
Data registrazione: 21-02-2008
Residenza: rumagnòl
Messaggi: 901
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da LorenzVigna Visualizza messaggio
Certo, come no? Mettiamo un bel frutteto, lo teniamo 15 anni, ci attrezziamo con carri da potatura frutta, attrezzature per frutteto (atomizzatori), macchinari da frutteto, spendiamo e spandiamo....
Poi tolgo il frutteto e metto vigneto: ricomincio a spendere in cimatrici, potatrici, legatrici, vendemmiatrici, spollonatrici.....
E' un programma sensato?
A meno che, ovviamente, non si intenda fare le cose con tanta bella manodopera e un Same Falcon.... e allora, di nuovo, parliamo di aziende che non danno reddito.

Lorenzo

.
Ma noo! questo è un esempio che calza al caso mio! se ho intenzione ad ampliare il vigneto aspetto l'abolizione.
Avendo un pò di frutteti quasi tutti gli anni ne va giù un pezzo per vecchiaia
Comunque quello che ti ribatto è la tua idea che dopo l'abolizione delle quote SCONSIGLI a fare uva per motivi che non condivido!
le spese di impianto sono identiche, risparmi le quote, le rese saranno uguali credo, forse te la pagan di più l'uva?
i vari ammortamenti son da fare comunque
Niente di più.

Riguardo le quote da acquistare chi le vende? gli agricoltori che espiantano?? Grazie per eventuale risposta
Ciao Lorenzo
Rispondi citando
  #78  
Vecchio 05-04-2009, 19.00.02
L'avatar di LorenzVigna
LorenzVigna LorenzVigna non è connesso
Moderatore Viticoltura
 
Data registrazione: 09-07-2005
Residenza: Reggio Emilia
Messaggi: 972
Visit LorenzVigna's Facebook
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da tocia Visualizza messaggio
Riguardo le quote da acquistare chi le vende? gli agricoltori che espiantano?? Grazie per eventuale risposta
Sì, ovviamente quelli che hanno estirpato senza godere del contributo (quelle superfici vengono eliminate dalla circolazione).
Sul resto, vedo che continui a non capire o comunque a non tenere l'argomento su un piano ECONOMICO valido, quindi non ha nemmeno molto senso ribadire ulteriormente concetti abbondantemente sviscerati.
Saluti,

Lorenzo
Rispondi citando
  #79  
Vecchio 05-04-2009, 21.39.31
tocia tocia non è connesso
Utente Cancellato
 
Data registrazione: 21-02-2008
Residenza: rumagnòl
Messaggi: 901
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da LorenzVigna Visualizza messaggio
Sì, ovviamente quelli che hanno estirpato senza godere del contributo (Saluti,

Lorenzo
Qui nel 2008 han preso sui 14000 euri e nel 2009 chi estirpa sarà sui 12\13000 euri
quindi uno che comperi i diritti spenderà uguale?
saluti
Rispondi citando
  #80  
Vecchio 05-04-2009, 22.25.34
L'avatar di corsaro70
corsaro70 corsaro70 non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 29-10-2006
Residenza: Prov.Di Treviso
Messaggi: 87
Predefinito

Qui da noi, se hai fortuna, puoi trovare quote a 1 € circa al mq. più ti devi pagare tutte le spese di registrazione.
Se trovi il puntiglioso, ti avvicini ai soldoni che hai menzionato tu.
Rispondi citando
  #81  
Vecchio 05-04-2009, 23.27.41
L'avatar di LorenzVigna
LorenzVigna LorenzVigna non è connesso
Moderatore Viticoltura
 
Data registrazione: 09-07-2005
Residenza: Reggio Emilia
Messaggi: 972
Visit LorenzVigna's Facebook
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da tocia Visualizza messaggio
Qui nel 2008 han preso sui 14000 euri e nel 2009 chi estirpa sarà sui 12\13000 euri
quindi uno che comperi i diritti spenderà uguale?
saluti
Ovviamente no. Il contributo è stato molto alto quest'anno e andrà CALANDO proporzionalmente fino al 2011 perché l'obiettivo è eliminare superfici vitate.
Quindi, se uno ha estirpato e basta, ora si trova con un diritto di reimpianto che può usare in 5 anni oppure vendere. Se non lo usa, quelle superfici vanno alla c.d. "Riserva nazionale".
Se invece uno ha estirpato approfittando del piano di estirpazioni della UE non ha diritti di reimpianto e quindi non ha nulla da vendere.
Ripeto: io ho comprato nel 2006 a circa 0,60/mq, quando i prezzi erano ancora a quei livelli. Ora come ora, mi sono state offerte quote e ho visto trasferimenti di quote a 0,40-0,50 mq. Quindi, 4.000-5.000 euro/ha.
Se uno vuole prendere gli stessi soldi del contributo all'espianto... beh: che espianti e si tenga le sue quote no?!?!?!?
Con tutta la gente che vuole smettere i vigneti il mercato non è di sicuro scarso d'offerta, calcolando anche che sono state finanziate POCHISSIME domande rispetto a quelle presentate (Potionkinson forse riesce a fornire qualche dato numerico più preciso a supporto di quanto affermo).

Lorenzo

Citazione:
Originalmente inviato da tocia Visualizza messaggio
le spese di impianto sono identiche, risparmi le quote, le rese saranno uguali credo, forse te la pagan di più l'uva?
i vari ammortamenti son da fare comunque
Niente di più.
Dimentichi una vocettina di spesa chiamata "COSTI DI PRODUZIONE". Credi che saranno uguali?

Lorenzo

Ultima modifica di Potionkhinson : 07-04-2009 alle ore 00.09.33 Motivo: il regolamento vieta di inserire post consecutivi nell'arco di 24 ore (utilizza la funzione "Modifica Messaggio"!).
Rispondi citando
  #82  
Vecchio 28-04-2009, 14.32.06
fullbox fullbox non è connesso
Nuovo Membro
 
Data registrazione: 10-10-2008
Messaggi: 8
Predefinito ma ste quote?

Ciao ragazzi, come detto già avrei l'intenzione di mettere una vigna in un terreno di 2 ettari.
Ma è vero che non posso farlo? Devo aver prima comprato dei permessi chiamati QUOTE?
Dove le compro le quote?Quanto costano?
Ma a questo punto mi conviene, la vigna le quote il lavoro , ma quanto mi costa??
grazie
Rispondi citando
  #83  
Vecchio 29-04-2009, 16.55.00
90 c 90 c non è connesso
Moderatore Leggi e Normative Agricole
 
Data registrazione: 23-10-2007
Residenza: appennino pugliese
Messaggi: 1,590
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da fullbox Visualizza messaggio
Ciao ragazzi, come detto già avrei l'intenzione di mettere una vigna in un terreno di 2 ettari.
Possiedi già trattori ed attrezzi? Conosci i fondamentali della coltivazione della vite? Vuoi fae anche il vino?

Citazione:
Originalmente inviato da fullbox Visualizza messaggio
Ma è vero che non posso farlo? Devo aver prima comprato dei permessi chiamati QUOTE?
Non conosco la tua regione. In Puglia si. Ti "incentivano" solo alcuni vitigni e spesso le cantine richiedono il rispetto del disciplinae di produzione integrata.

Citazione:
Originalmente inviato da fullbox Visualizza messaggio
Dove le compro le quote?Quanto costano?
Non so come si "acquistano". I prezzi variano a secondo della zona.
Su questo aspetta lumi da qualche dotto del forum.

Citazione:
Originalmente inviato da fullbox Visualizza messaggio
Ma a questo punto mi conviene, la vigna le quote il lavoro , ma quanto mi costa??
grazie
questo è l'enigma di chiunque inizia a fare impesa......dipende dalle tue possibilità in termini finanziari e monte ore di lavoro disponibile.....oltre al fatto se sei in una zona "vocata".
Rispondi citando
  #84  
Vecchio 29-04-2009, 22.34.11
L'avatar di Cawa
Cawa Cawa non è connesso
Membro Senior
 
Data registrazione: 22-10-2007
Residenza: Colli Novaresi (NO)
Messaggi: 377
Predefinito

Generalmete le quote si acquistano da altri viticoltori che hanno estirpato i loro impianti e mettono in vendita i diritti di reimpianto.
Però proprio come se n'è lungamente parlato in questo thread la nuova normativa prevede l'abolizione delle quote.
Ora sta te decidere se iniziare ora e pagare i diritti d'impianto o aspettare 2-3-4....n anni (non è ancora ufficiale l'anno di abolizione)e risparmiare.
Rispondi citando
  #85  
Vecchio 16-06-2009, 21.47.20
L'avatar di Francé
Francé Francé non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 01-05-2007
Residenza: Lunigiana
Messaggi: 25
Predefinito

Ciao a tutti, ho appena finito di leggere questo interessantissimo thread e volevo dire la mia opinione. Premetto che sono d'accordo in parte con quello che dice LorenzVigna, ma credo di aver capito anche il punto di vista di Tocia.
Io vengo dalla Lunigiana, terra "relativamente" povera a livello agricolo e infatti oggi molto incentivata specialmente su alcuni prodotti tipici.
Qui da me si produce il "vermentino dei Colli di Luni" e anche chi fa una produzione modesta (diciamo 6000/7000 bottiglie l'anno, che per me sono già tantissime..) riesce a piazzare generalmente tutto il prodotto sulla costa ligure/versiliese con discreti guadagni.
Io so che molti di questi produttori hanno iniziato pian piano (al tempo in cui si poteva impiantare senza permessi) e hanno oggi un'attività che da loro soddisfazioni.
Io credo che se potessi "scavalcare" i costi d'impianto probabilmente mi butterei nell'impresa di fare vino, in questo mi riallaccio in parte a quello che intendeva Tocia:
per chi possiede 2/3 ettari di terreno (io li ho, uliveto, seminativo e vigneto, ad uso personale) potrebbe essere un'opportunità, seppur difficile e rischiosa ne sono consapevole, di tornare alla propria terra e riuscire a sbarcare il lunario (mio padre e mio nonno erano contadini, io sono ingegnere e guadagno 1300 euro/mese.....) anche con un modesto investimento iniziale.
Mi spiego: a me piacerebbe, per esempio, programmare e progettare un'attività vinicola magari impiantando oggi 2/3 ha di vigneto (posseggo già trattore e diverse attrezzature, altri grossi costi d'impianto non ne vedo visto che qui si fa tutto ancora con i pali di castagno ed escavatori..) per averle in produzione fra 4 o 5 anni, appoggiarmi a qualche cantina in principio (ho alcuni amici che fanno il vino che citavo in precedenza con cantine attrezzate e a norma) e tirarci fuori uno stipendio decoroso (mi basterebbe quello che guadagno ora!) rimanendo nella mia terra.

Oggi, di fatto, per impiantare 3 ha di vigneto qui ci vogliono 25.000 euro solo di diritti, capite bene che chi comincia ora ha già le gambe tagliate.
Forse la mia realtà è diversa da quella che descriveva Tocia, ma credo che il "sistema" delle quote favorisse molto i grossi imprenditori del vino e negasse la possibilità a molti che avrebbero voluto iniziare (io non partirei nemmeno da zero, a livello di conoscenza della vite...) di cimentarsi in questa attività.
Io dico: in Italia c'è pieno di case, però mica la UE ha stabilito di comprare delle quote per coloro che vogliono iniziare un'attività edile, e lo stesso vale per un negozio o nella meccanica, ortocoltura ecc..
L'investimento iniziale c'è ovunque, commisurato alla grandezza ed entità dell'attività che si vuole iniziare, però secondo me questa cosa delle quote latte e vite era veramente una cosa ingiusta. Parere personale, ovviamente
Rispondi citando
  #86  
Vecchio 22-07-2011, 14.42.44
abignone abignone non è connesso
Membro
 
Data registrazione: 18-05-2011
Messaggi: 11
Predefinito

....... Io dico: in Italia c'è pieno di case, però mica la UE ha stabilito di comprare delle quote per coloro che vogliono iniziare un'attività edile, e lo stesso vale per un negozio o nella meccanica, ortocoltura ecc..
L'investimento iniziale c'è ovunque, commisurato alla grandezza ed entità dell'attività che si vuole iniziare, però secondo me questa cosa delle quote latte e vite era veramente una cosa ingiusta. Parere personale, ovviamente[/QUOTE]

Ho letto questa discussione con due anni di ritardo, siamo al 2011,
vale sempre l'eliminazione delle quote ? Mi pare che il ragionamento fili,
in certe aree e' possibile produrre poco e fare una quantita' di soldi
decenti. Qualcuno ha notizie recenti sulla storia delle quote ?
Rispondi citando
Rispondi


Utenti attualmente attivi che stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 visitatori)
 
Strumenti
Tipo di vista

Regole di scrittura
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
[Tecniche vinificazione] trucioli e vino tania71 Viticoltura ed Enologia 20 16-11-2007 21.44.57
[Cantina] Vino Carmine69 Viticoltura ed Enologia 5 26-06-2007 14.15.13
[Vigneto] Clima Uva Vino grupel Viticoltura ed Enologia 3 05-04-2007 13.31.23


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 06.04.17.


Powered by vBulletin versione 3.8.7
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana : www.vBulletin.it
MMT Italia
MMT Italia è il primo portale italiano del settore
macchine movimento terra, industriali e agricole.
MMT Italia Srl
Via Lago di Lesi, 14 - 00019 Tivoli (RM)
Email: - P.IVA 11591861007
Informazioni su MMT Italia